Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei

di
Pubblicato il: 29-04-2005

Amanti della tavola e sostenitori di una corretta alimentazione: gli italiani sono fedeli alla cucina mediterranea ma introducono frutta e verdura.

Sanihelp.it - Buongustai ma attenti alla linea: è il ritratto degli italiani che emerge da una ricerca ISPO sugli stili alimentari dei nostri connazionali.  
 
Tra gola e linea gli italiani adottano la via di mezzo: bisogna mangiare in modo sano e variato, ma non castigare la tavola.  
Infatti il 57 % è convinto che non è vero che meno si mangia meglio si sta, anzi, bisogna adottare un’alimentazione eclettica e varia.  
 
Gli intervistati sono stati divisi in tipologie in base al loro rapporto con il cibo: ai due estremi troviamo le buone forchette (20 %), legate al piacere della tavola e troppo pigre per fare sport, e i dietetici verdi (17 %), che al grido di Una mela al dì intraprendono una guerra ad oltranza alle calorie.  
 
La percentuale restante si divide tra un 20 % di equilibrati con poco tempo, lavoratori che mangiano nei pubblici esercizi o sul lavoro, un 17 % di golosi umorali, vittime degli sbalzi d’umore, e due categorie pressoché indifferenti al cibo: i distratti in forma, soprattutto studenti che non fanno attenzione a cosa mangiano perché distratti da altri interessi, e gli apatici, cioè i giovanissimi (14-17 anni) che non esprimono opinioni sul proprio rapporto con l’alimentazione.  
 
Interrogando gli italiani sul luogo e sul contenuto di un pranzo feriale, si è scoperto che la maggior parte riesce a trovare il tempo di tornare a casa (ben il 78 %), preferendo il primo piatto, mentre gli altri mangiano al lavoro o nei pubblici esercizi.  
 
Il 7% dichiara di aver saltato il pranzo. Chi sono? Gli apatici e i dietetici, naturalmente.  
 
Ma l’aspetto più interessante riguarda il consumo di frutta e verdura, verso il quale sembra esserci un cambiamento di attitudine da parte degli italiani: molti affermano infatti che negli ultimi anni mangiano più verdura, e che consumerebbero più frutta se non fosse così lunga la preparazione (lavarla, sbucciarla e tagliarla).  
 
Gli italiani sono quindi attenti alla salute e alla linea, ma un po’ confusi sui valori nutrizionali e calorici.  
 
La ISPO ha sottoposto gli intervistati a una prova di consapevolezza alimentare, nel quale si doveva ordinare in base al loro contenuto calorico 5 menù.  
Più della metà non ha azzeccato neanche una posizione, il 32 % ha indovinato una sola risposta, e solo un misero 13 % ha avuto più successo.  
 
Non ci credete? Fate anche voi il test che vi proponiamo qui sotto: vi assicuro, per esperienza personale, che è più difficile di quanto sembra… 
 
Mettete i seguenti menù in ordine da quello meno calorico a quello più calorico:
  1. hamburger e coca cola
  2. caprese condita con olio, grissini e succo di frutta
  3. sogliola al vapore, patate lesse condite, frutta e acqua
  4. cappuccino zuccherato e brioche alla marmellata
  5. pasta al pomodoro, bistecca, patate fritte e vino
La graduatoria corretta è 4-1-3-2-5.  


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
sondaggio di opinione a livello nazionale
condotto da ISPO, Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione
per McDonald's Italia

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti