Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Alzheimer: la malattia vista da un'adolescente

di
Pubblicato il: 14-06-2016
Alzheimer: la malattia vista da un'adolescente © Thinkstock

Sanihelp.it - Nel mondo le persone affette da Alzheimer sono 46 milioni, più della popolazione della Spagna, e sono destinate a raggiungere i 131, 5 milioni entro il 2050. Oggi il costo della malattia è di 818 miliardi – pari a un valore di mercato superiore a quello di colossi come Apple (742 miliardi), Google (368 miliardi). Solo nel corso del 2015 si sono verificati più di 9,9 milioni di nuovi casi di demenza a livello mondiale, cioè un nuovo caso ogni 3,2 secondi.

In Italia i malati sono 600.000 e, a causa dell'invecchiamento della popolazione, sono destinati ad aumentare. All’Italia il record di Paese più longevo d'Europa, con 13,4 milioni di ultrasessantenni, pari al 22% della popolazione.

«I costi diretti per l'assistenza ai malati di Alzheimer superano gli 11 miliardi di euro, di cui il 73% è a carico delle famiglie. Secondo le statistiche, in Italia si sta affermando un modello di assistenza sempre più informale e privata: nella metà dei casi l’assistenza è a cura dei figli, mentre il 38% dei malati è affidato a una badante. La maggioranza dei malati non viene seguita né da una Uva né da un centro pubblico (56,6%)», spiega Manuela Donghi, giornalista e autrice del libro Visto con i tuoi occhi, edito da Giuliano Ladolfi Editore.

Realizzato in collaborazione con l’Associazione Amici del Centro Dino Ferrari e con Gruppo Korian, leader europeo nella gestione di residenze per la terza e quarta età, il libro racconta il viaggio nel mondo dei malati di Alzheimer attraverso lo sguardo di un’adolescente. 

Il libro costa 12,00 euro ed è disponibile nelle librerie da gine giugno. Parte del ricavato del libro sarà devoluto all’Associazione Amici Centro Dino Ferrari. La presentazione offre uno spunto per tracciare lo stato dell’arte della prevenzione, delle cure e della ricerca per l’Alzheimer. Sempre più spazio trovano le terapie non farmacologiche, quali il camuffamento degli spazi abitativi e architettonici, la Doll Therapy e gli Ealing Gardens (orto-terapia). Di recente introduzione anche il treno virtuale, un metodo per placare l’ansia da fuga che accompagna le giornate dei malati.

Prima di entrare nel vagone, i malati possono soggiornare in una sala d’aspetto esterna curata nei minimi dettagli e con accorgimenti iconografici realistici. Poi, seduti su poltroncine contenitive, possono riassaporare ricordi ed emozioni perdute, ritrovando pace e serenità mentre osservano il paesaggio e le stazioni intermedie che scorrono sotto il loro sguardo attraverso un finto finestrino adibito a schermo.

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Presentazione del libro Visto con i tuoi occhi, edito da Giuliano Ladolfi Editore

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti