Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Malattie respiratorie: sì allo sport d'estate, purché...

di
Pubblicato il: 07-07-2016
Malattie respiratorie: sì allo sport d'estate, purché... © Thinkstock

Sanihelp.it - L’attività fisica è fondamentale in tutti i programmi di riabilitazione respiratoria rivolti alla gestione della BPCO (broncopneumopatia cronico-ostruttiva), che rende difficoltosa la respirazione, con sintomi, tra cui la dispnea (mancanza d’aria), che hanno impatto sulla funzionalità respiratoria e sulla qualità di vita.

Pianificare l’allenamento, mantenendo uno stile di vita attivo e allontanando il pericolo che la sedentarietà provoca, si traduce in uno stato di benessere arrestando la progressione della malattia. Tuttavia, è necessario un allenamento graduale e specifico, impostato da personale sanitario qualificato.

Per questo è utile associare al programma di allenamento, da eseguire in modo autonomo al proprio domicilio, un prezioso dispositivo: il saturimetro. Questo strumento (per esempio iHealth Air: pulsossimetro wireless bluetooth, collegato anche all'App gratuita iHealth MyVitals) consente di conoscere il valore della saturazione di ossigeno nel sangue ed è utile soprattutto nei soggetti che non hanno una chiara percezione della mancanza di fiato, per tenere monitorati i corretti parametri vitali, sia durante le attività che nel tempo.

L’utilizzo verrà concordato con lo specialista al momento della stesura di un programma di allenamento, fissando i valori dei parametri entro i quali l’attività fisica risulta sicura e non pericolosa: in linea di massima, il limite minimo sotto al quale è preferibile non scendere si attesta al 90% di saturazione.

Inoltre è fondamentale seguire alcuni accorgimenti durante il periodo estivo: uscire nelle prime ore della giornata evitando quelle più calde, che affaticherebbero l’apparato respiratorio, prediligere percorsi pianeggianti, con panchine per effettuare soste, mantenersi idratati bevendo acqua regolarmente, scegliere per le vacanze destinazioni con clima temperato, senza eccessive escursioni termiche tra giorno e notte. Le località che dispongono di ampi spazi per le camminate o per le pedalate come lungomare, lungolago o campagna sono da preferire.

Assicurarsi che gli ambienti (case di villeggiatura, alberghi, residence) siano ben climatizzati. Nessun limite ai mezzi di trasporto utilizzati per raggiungere la destinazione prescelta: l’importante, in caso di viaggi a lunga percorrenza, è che siano garantite una buona climatizzazione e la possibilità di effettuare soste. Prima di partire, è opportuno impostare un programma di allenamento con il proprio specialista o fisioterapista. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
iHealth

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti