Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Un libro amplia orizzonti e aspettativa di vita

Leggere allunga la vita di ben due anni

di
Pubblicato il: 11-08-2016
Leggere allunga la vita di ben due anni © Thinkstock

Sanihelp.it - Leggere è forse la maniera migliore di trascorrere il proprio tempo libero, sebbene i ritmi imposti dalla vita moderna tolgano sempre più spazio a questo hobby in favore di divertimenti meno impegnativi ma sicuramente anche meno sani, come televisione e social network. Sin da bambini, maestri e genitori tentano di spiegare l'importanza dei romanzi nelle nostre vite: su certe persone tali insegnamenti fanno breccia, su altre proprio per niente. Quello che però forse non sapevano nemmeno i maestri e i genitori, e che in realtà avrebbe potuto fare ancor di più la differenza in questa opera di persuasione, è che la lettura allunga la vita, addirittura di circa due anni, secondo i calcoli della Yale University School of Public Health.

Com'è possibile che i libri siano implicati nella nostra aspettativa di vita a questo livello? In realtà non si è ancora giunti ad una certezza sul nesso, ma i risultati sono comunque inequivocabili. Secondo quanto pubblicato dalla rivista specializzata Social Science & Medicine, basterebbero anche solo 3 ore e mezzo a settimana di lettura per avere i primi risultati apprezzabili sulla nostra salute. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori americani hanno condotto uno studio durato dodici anni su 3635 soggetti ultracinquantenni, analizzando quanti libri leggessero in relazione alla loro aspettativa di vita. Ebbene, il risultato è che tre ore e mezza a settimana di lettura riducono il rischio di morte per tutte le cause del 17%; statistica che aumenta fino a 23% per chi indugia maggiormente in questo passatempo.

In generale, durante l'arco di tempo in cui è durato lo studio, il 33% dei non-lettori ha perso la vita, contro il 27% dei lettori. Tuttavia occorre fare attenzione, poiché tali effetti positivi deriverebbero per lo più dalla sete di libri e romanzi, e non di periodici. I ricercatori, sebbene incerti sulle motivazioni dell'esito dell'analisi, hanno azzardato l'ipotesi che leggere aumenti l'aspettativa di vita in quanto allena la mente, cosa che produce benefici non di poco conto a livello cognitivo. Qualunque sia la causa, lo studio ha evidenziato che i lettori hanno in media due anni in più di vita per fare ciò che gli piace di più. Ovvero, leggere altri libri.  

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Yale University School of Public Health, Social Science & Medicine

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.67 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti