Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Italia tra i primi consumatori al mondo di questi farmaci

Gli antinfiammatori FANS causano scompensi cardiaci?

di
Pubblicato il: 03-10-2016
Gli antinfiammatori FANS causano scompensi cardiaci? © Thinkstock

Sanihelp.it - Brutte notizie per tutti i consumatori abituali di antinfiammatori: questi farmaci, spesso se utilizzati senza criterio, possono essere pericolosi e causare gravi effetti collaterali per la salute. In particolare, secondo gli studi dei ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca, pubblicati di recente sulla rivista specializzata British Medical Journal, potrebbero causare scompensi cardiaci di grave entità, mettendo a serio repentaglio la salute del nostro cuore. Specialmente sotto accusa i medicinali antinfiammatori non steroidei, i cosiddetti FANS: farmaci di uso quotidiano come l'aspirina o l'ibuprofene, che presentano anche un'azione antidolorifica e antipiretica, di cui gli italiani sono fortissimi consumatori. Basti pensare che il nostro paese, secondo le statistiche, è tra i primi al mondo per il loro impiego, con una spesa di oltre 500 milioni.

Per giungere a questa conclusione, gli esperti italiani hanno condotto una ricerca su 92 mila soggeti ricoverati per scompenso cardiaco in Italia, in Germania, nei Paesi Bassi e nel Regno Unito: questa analisi ha evidenziato come l'incidenza delle persone che utilizzavano abitualmente, e spesso in maniera troppo frequente, gli antinfiammatori non steroidei era significativa. Questa tipologia di farmaci è stata quindi correlata ad un maggior rischio di problemi cardiovascolari e di ricoveri ospedalieri di questo tipo. Si tratta dunque di un campanello d'allarme molto importante alla luce dei consumi dei medicinali incriminati. Ovviamente non si punta il dito tanto contro la categoria di farmaco in sé, chiaramente molto importante per la nostra salute, quanto contro il suo utilizzo scriteriato: un po' come accade per gli antibiotici, che se utilizzati in maniera esagerata possono contribuire alla nascita di batteri resistenti difficili poi da eradicare.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
UniversitÓ di Milano-Bicocca, British Medical Journal

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti