Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Nella stessa camera, ma non nello stesso letto

di
Pubblicato il: 26-10-2016
Nella stessa camera, ma non nello stesso letto © Thinkstock

Sanihelp.it - Secondo le linee guida dell’American Academy of Pediatrics pubblicate online sulla rivista Pediatrics,  per ridurre il rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS dall’inglese Sudden Infant Death Syndrome) i neonati almeno fino ai 6 mesi e meglio ancora fino al compimento del primo anno di vita, dovrebbero dormire nella stessa stanza dei genitori, ma dormire nel loro lettino e non nel letto matrimoniale.

Gli autori di tale linee guida ritengono che l’adesione a tale raccomandazione potrebbe ridurre del 50% il rischio SIDS; i ricercatori hanno anche precisato che i neonati dovrebbero dormire esclusivamente nel loro lettino e mai su divani o poltrone e nemmeno nel lettone con i genitori.

È vero che i neonati si nutrono anche di notte e se allattati al seno,  alla mamma può accadere di tenerlo accanto a sé addormentandosi; quest’atteggiamento è da evitare per l’incolumità del bambino.

È bene ricordare che l’allattamento al seno riduce del 70% il rischio SIDS.

Il rischio SIDS si riduce anche mettendo il bambino a dormire a pancia in su sempre nel suo lettino, evitando di adornare il lettino con paracolpi o cuscini o piumini o comunque biancheria morbida e evitando di esporre i piccoli al fumo di sigaretta o di altre sostanze d’abuso.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti