Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Uno studio evidenzia i vantaggi di un'assunzione moderata

La birra: più diavolo o più acqua santa?

di
Pubblicato il: 17-11-2016
La birra: più diavolo o più acqua santa? © Thinkstock

Sanihelp.it - La questione circa gli effetti della birra, se essa sia una bevanda salutare o se invece possa risultare dannosa, ha sempre coinvolto da un lato chi la ama, dall’altro coloro a cui proprio non piace.

Sono numerose le ricerche scientifiche che hanno indagato l'argomento in tutte le sue sfumature; ma ora, un nuovo studio condotto in Cina la cui paternità è americana, presentato alle American Heart Association's Scientific Sessions 2016, dimostra che una piccola birra al giorno preserva il colesterolo ‘buono’ (Hdl) e previene disturbi cardiovascolari.

La birra è una bevanda priva di conservanti, sale e grassi. Tra i suoi componenti, l’orzo e il lievito forniscono vitamine B che, come già accennato, non solo riducono il rischio di malattie cardiovascolari ma promuovono anche la salute della pelle e dei capelli. Il luppolo contiene una sostanza con proprietà lenitive e anti-infiammatorie, la luppolina, la quale aiuta a combattere stress e depressione, nonché - secondo gli scienziati della ricerca - l’Alzheimer e il Parkinson. La birra contiene inoltre diversi minerali, tra i quali il magnesio e il potassio: la combinazione di un elevato contenuto di magnesio e un basso contenuto di calcio è favorevole per il cuore e le arterie e aiuta a combattere i calcoli biliari e renali; un alto contenuto di potassio, a fronte di una bassa quantità di calcio, contrasta l'ipertensione.

Vista in questo modo, la birra è una bevanda particolarmente salutare; peraltro, tra le bevande alcoliche, è la meno calorica: a seconda del contenuto di alcol, contiene mediamente 40-60 kcal per 100 g (circa 10 cl), a fronte di una media di 80 kcal del vino rosso per la stessa quantità.

Detto questo è importante tenere conto anche delle sue proprietà che, in certi casi, possono risultare dannose. Il consumo di birra è fortemente sconsigliato a coloro che soffrono di gotta, dato che essa produce acido urico che, cristallizzandosi nelle articolazioni, causa infiammazione e dolore. Inoltre, come del resto per tutte le bevande alcoliche, se ne sconsiglia l’abuso alle donne in gravidanza o in allattamento e ovviamente agli adolescenti.

In conclusione possiamo dire che bere moderatamente birra non è dannoso per la salute e che, anzi, un suo consumo oculato ha più vantaggi che svantaggi.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
American Heart Association Scientific Sessions

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti