Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cervicocarcinoma: il pap test resta lo strumento più efficace

di
Pubblicato il: 15-04-2005
Sanihelp.it - La miglior difesa è l’attacco! Un atteggiamento che paga a livello sportivo e che andrebbe adottato anche a livello medico.
Perché aspettare che la malattia ci colpisca, si porti in vantaggio consolidi la sua posizione e poi tentare la solita rimonta in extremis? Meglio affrontare la situazione di petto e cercare di portarci in vantaggio soprattutto rispetto a quelle patologie che poi non perdonano.

Diagnosi precoce dunque, come è stato affermato durante il convegno nazionale del Gruppo ialiano sreening del cevicocarcinoma (GISCI) ante il quale è tata ampiamente ribadita l’efficacia del Pap-test, convenzionale o in fase liquida, come unico test di screening attualmente valido nel ridurre l’incidenza e la mortalità per questo tipo di tumore. Le raccomandazioni del GISCI, in linea con le linee guida Italiane ed Europee, indicano un intervallo del test triennale nella fascia di età fra i 25 ed i 64 anni.

L’applicazione di nuove tecnologie, nell’ambito dei singoli programmi, quali i sistemi automatici di lettura e biotecnologie ancillari, richiedono attente valutazioni per quel che riguarda eventuali costi aggiuntivi e risparmi. L’utilizzo del test HPV come test di screening, pur se promettente è, allo stato attuale, prematuro in attesa dei risultati definitivi degli studi multicentrici in corso.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti