Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Instabilità glicemica e prestazioni cognitive

di
Pubblicato il: 20-12-2016
Instabilità glicemica e prestazioni cognitive © Thinkstock

Sanihelp.it - Secondo uno studio pubblicato sulla rivista American Geriatrics Society e condotto presso la Columbia University di New York City,  l’instabilità glicemica, una condizione che spesso si presenta prima dello sviluppo di diabete di tipo 2, influenza la struttura cerebrale e le capacità cognitive degli anziani.

Gli autori dello studio sono arrivati a queste conclusioni dopo aver analizzato i dati relativi a persone con più di 65 anni e aver messo in relazione, la disglicemia (ovvero l’instabilità della glicemia) con i livelli di emoglobina glicata (un parametro utilizzato per quantificare il controllo glicemico) e la storia di diabete di tipo 2 e le prestazioni cognitive.

Dall’analisi è emerso che la disglicemia è una condizione che si accompagna con un maggior numero di infarti cerebrali, una diminuzione della materia bianca nel suo complesso e anche della materia grigia.

La disglicemia, inoltre, si è rivelata capace anche di influenzare in negativo la capacità di linguaggio e le altre capacità visuo-motorie.

La disglicemia, dunque, anche se in maniera minore rispetto ai problemi cardiovascolari, è in grado di alterare l’anatomia cerebrale e le funzioni cognitive. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti