Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Eutanasia: il 77% degli italiani chiede una legge

di
Pubblicato il: 29-12-2016
Eutanasia: il 77% degli italiani chiede una legge © Thinkstock

Sanihelp.it - A 10 anni dalla morte di Piergiorgio Welby, l’Associazione Luca Coscioni per le libertà civili ricorda la storia di colui che ha aperto una fase cruciale nella battaglia per le libertà civili: quella per il diritto al rifiuto delle cure, che dovrebbe essere garantito dalla Costituzione che specifica che: nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge (Art. 32).

Un diritto per il quale il 77% degli italiani ritiene opportuno un intervento del Parlamento con una legge che regolamenti la scelta di fine vita. La lotta di Welby, insieme a quella di Beppino Englaro per Eluana e, ora, quella di Walter Piludu, ha fatto compiere all'Italia quei passi avanti sui quali il Parlamento ancora vacilla. Sono gli stessi cittadini a chiedere una legge che regolamenti le scelte di fine vita, ricorda l'Associazione Luca Coscioni. 

Dopo oltre 3 anni dal deposito della proposta di legge di iniziativa popolare dell'Associazione il Parlamento si è finalmente mosso: il 7 dicembre il testo sulla legalizzazione del testamento biologico viene approvato dalla Commissione Affari sociali ed è pronto per la discussione in Parlamento.

Un passo importante verso l’obiettivo per cui si batte l’Associazione Coscioni - il riconoscimento ufficiale del diritto di scegliere come e quando terminare la propria vita e interrompere la propria sofferenza. Un diritto che non deve essere riconosciuto esclusivamente a chi è cosciente o a chi è attaccato a una macchina, escludendo molti altri malati terminali, ma che deve essere universalmente riconosciuto grazie alla legalizzazione del testamento biologico. 

A ricordare la battaglia di Welby anche il Comitato Etico di Fondazione Umberto Veronesi che ha stilato la Mozione del Comitato Etico sui profili etici dell’eutanasia: riferendosi esclusivamente ai profili etici della questione e ponendo specifiche condizioni vincolanti che circoscrivono i casi, afferma che sia eticamente lecito chiedere di porre fine anticipatamente alle proprie sofferenze con dignità e aiutare i malati a farlo, limitatamente a quelli terminali e con sintomi refrattari. 

Il professor Umberto Veronesi era fermo sostenitore del principio che ogni persona ha diritto di autodeterminarsi, aveva aderito all’appello per l’eutanasia legale e firmato la proposta di legge presentata dall’Associazione Luca Coscioni nell’ambito della campagna Eutanasia Legale. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Associazione Luca Coscioni

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti