Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Raffreddore nei bambini: quando preoccuparsi?

di
Pubblicato il: 30-12-2016
Raffreddore nei bambini: quando preoccuparsi? © Thinkstock

Sanihelp.itOcchietti lucidi e naso che cola: è un classico, un po’ per tutti i bambini, durante i mesi più freddi.

Se è vero come lo è, che un banale raffreddore non richiede l’intervento del medico e tende a guarire con le dovute precauzioni del caso;  ci sono però raffreddori che costituiscono un campanello d’allarme per condizioni ben più gravi che non vanno quindi sottovalutate.

A tal proposito l’American Academy of Family Physician ricorda che è necessario rivolgersi al proprio pediatra di fiducia quando la febbre supera i 38° o persiste da più di 3 giorni.

è buona norma consultare un medico se i sintomi di influenza e raffreddore persistono da più di 10 giorni o se dopo un miglioramento iniziale, si assiste a un nuovo e più intenso peggioramento.

La situazione non va sottovalutata nemmeno se il bambino fa difficoltà a respirare (dispnea) e la pelle tende a diventare bluastra.

Altro campanello d’allarme può essere costituito dal vomito e dalla diarrea, dal dolore all’orecchio, dall’irritabilità e dalle eventuali difficoltà a svegliarsi del bambino. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay News

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti