Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Acqua per la pelle: come dissetarla

di
Pubblicato il: 23-01-2017
Acqua per la pelle: come dissetarla © Thinkstock

Sanihelp.it - L’acqua è un elemento di primaria importanza per l’intero organismo e anche per la pelle. Lo strato corneo, ovvero lo strato più esterno della cute, sembrerebbe una struttura arida, ma in realtà si tratta solo di apparenza. Il suo contenuto idrico varia infatti dal 20 al 35% in condizioni normali. Se il livello di idratazione scende sotto il 20%, la pelle appare secca e ruvida, la sua elasticità diminuisce, oltre a mostrare segni evidenti di desquamazione e fessurazione.

Il derma è persino più ricco di acqua: costituisce il 70% della riserva idrica dell’intera cute. Nel derma, le molecole d’acqua sono legate in parte al collagene e in parte alle sostanze che formano la matrice extracellulare, elemento distintivo del tessuto connettivo. Tra questi composti, un ruolo di primaria importanza è occupato dall’acido ialuronico, sostanza dalle notevoli proprietà idratanti poiché capace di legare a sé una quantità di acqua pari a settanta volte il suo peso. In pratica, un grammo di acido ialuronico è in grado di trattenere settanta grammi di acqua.

Essendo l’acqua un elemento indispensabile, per poter garantire alla pelle benessere, salute e bellezza è fondamentale idratarla correttamente. Per farlo, occorre seguire una serie di utili regole, tra le quali bere almeno due litri di acqua al giorno e inserire nella propria alimentazione cibi altamente idratanti e ricchi di nutrienti come cetrioli, ravanelli, angurie, insalata, peperoni, pomodori, frutti di bosco, sardine e merluzzo.

Un grande supporto viene anche dalla ricerca dermatologica che ha ideato sieri e creme contenenti sostanze dall’efficace azione idratante e rigenerante. Tra i composti di ultima generazione, molto valido si è dimostrato il fospidin, complesso attivo costituito da fosfolipidi estratti dalla soia e glucosamina, zucchero ricavato dal guscio dei crostacei.

Da uno studio condotto su 160 donne di età compresa tra 28 e 70 anni è emerso che applicando una crema a base di Fospidin una volta al giorno per un mese, aumentano l’elasticità e l’idratazione superficiale e profonda della pelle. Le rughe appaiono inoltre attenuate poiché, attraverso questo complesso, viene stimolata non solo la sintesi del collagene e dell’elastina, ma anche quella dell’acido ialuronico, di cui la glucosamina è un precursore.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Professor Antonino di Pietro, dermatologo plastico a Milano

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti