Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

La dieta della longevità? Comprende latte e latticini

di
Pubblicato il: 30-01-2017
La dieta della longevità? Comprende latte e latticini © Thinkstock

Sanihelp.it - Quasi un abitante della Terra su 4 ha superato la fatidica boa dei 50 anni. In Italia, con il nostro 25% di ultra65enni e 6,5% di over 80enni, siamo i più longevi d’Europa e i secondi al mondo, superati solo dai giapponesi. Ormai si parla di longevity economy, un business che negli Stati Uniti vale già 7,6 trilioni di dollari, spiega Assolatte. Ma, oltre al marketing, i senior hanno attirato anche l’attenzione della scienza: sono tanti, e sempre più numerosi, gli studi realizzati per scoprire l’elisir dell’eterna giovinezza.

La scienza rivela che durata e qualità della vita dipendono solo per il 30% dalla genetica e per ben il 70% dagli stili di vita e dall'ambiente. Lo confermano numerosi studi internazionali da cui emerge che la dieta adottata negli ultimi decenni dagli italiani è associata a una maggiore aspettativa di vita e a una vecchiaia più sana.

Non ci sono ragioni per abbandonare il nostro tradizionale stile alimentare a favore di nuove mode o diete d’importazione. Anzi, ci sono buone ragioni per affezionarsi ancora di più a latte, yogurt, burro e formaggi: aiutano a mantenere efficiente il cervello, come ha rivelato uno studio della University of Kansas Medical Center.

Ecco perché i prodotti lattiero-caseari sono gli alimenti giusti per scongiurare  la principale paura dei senior italiani, ossia la perdita della memoria e della lucidità mentale. Un aspetto che preoccupa il 50% degli italiani contro il 38% della media dei loro coetanei di altri 16 Paesi del mondo, spiega Assolatte citando i risultati di uno studio condotto da Gsk.

I prodotti lattiero-caseari favoriscono il buon funzionamento del cervello perché forniscono due tipi di proteine (la caseina e il siero di latte) che agiscono in sinergia, promuovendo la formazione del glutatione, uno degli antiossidanti più potenti prodotti dall’organismo, fondamentale per prevenire lo stress ossidativo e il danno causato dai normali processi metabolici. I ricercatori hanno misurato il legame tra consumo di latte e livelli di glutatione scoprendo che più latte si beve, più i valori del glutatione si alzano. E il cervello ringrazia!



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Assolatte

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4.4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti