Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Bere te per ridurre il declino cognitivo

di
Pubblicato il: 30-03-2017
Bere te per ridurre il declino cognitivo © Thinkstock

Sanihelp.it - Numerosi studi hanno insistito sull'utilità di bere te per la salute delle ossa e del sistema cardiovascolare: uno studio condotto presso l'università di Singapore, da ultimo, ha sottolineato l'utilità di bere te per ridurre il rischio di declino cognitivo, specie negli anziani geneticamente predisposti a sviluppare Alzhaimer.

Gli autori dello studio sono arrivati a queste conclusioni dopo aver analizzato i dati relativi a 957 adulti di età uguale o superiore ai 55 anni: fra il 2003 e il 2005 i pazienti hanno autoriferito circa il loro consumo di te; dal 2005 al 2010 sono stati sottoposti ogni due anni a test per verificarne la condizione cognitiva.

Fra il 2006 e il 2010 i ricercatori hanno effettuato diagnosi di disturbi neurocognitivi in 72 dei pazienti inizialmente considerati.

I ricercatori hanno visto che rispetto agli adulti che bevevano te raramente, i consumatori abituali hanno evidenziato una diminuzione nel rischio declino cognitivo fino al 50% e i pazienti geneticamente predisposti a sviluppare Alzhaimer, per via del loro assetto genetico, se condumatori di te hanno evidenziato una riduzione del rischio fino all'86%.

I ricercatori hanno visto che i maggiori vantaggi per la salute cognitiva sono stati osservati nei pazienti che bevevano abitualmente te nero, verde e oolong.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
The journal of nutrition, health & aging

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti