Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Autismo: perché i bimbi malati camminano sulle punte?

di
Pubblicato il: 04-04-2017
Autismo: perché i bimbi malati camminano sulle punte? © Thinkstock

Sanihelp.it - Cammina sulle punte; deve essere un bambino autistico. Questo è quanto la maggior parte delle persone pensa vedendo un bambino affetto dal cosiddetto toe walking o tip-toe behaviour. Circa il 30% dei soggetti autistici ne è affetto.

Oltre a essere un grave stigma sociale, questo disturbo, la cui origine fino a ora era piuttosto misteriosa, incide profondamente sull’autonomia e sull’equilibrio e alla lunga causa una retrazione irreversibile del tendine di Achille, che porta inevitabilmente a un intervento chirurgico per la sua risoluzione.

A questo capitolo dell’autismo Villa Santa Maria, Centro con sede a Tavernerio (Como) specializzato nella cura e riabilitazione di bambini e ragazzi affetti da autismo e patologie neuropsichiatriche, ha portato il suo contributo, con studi sistematici su 70 casi seguiti presso l’istituto e in corso di pubblicazione su Autism Research.

In particolare, la lacuna metodologica sino a ora presente in letteratura per classificare e misurare questo fenomeno è stata colmata grazie all’osservazione strutturata del comportamento dei bambini autistici presenti nel Centro. È stato così possibile evidenziare la presenza di tre modalità di gravità crescente con cui questo comportamento sembra manifestarsi: presente solo nella corsa, presente nel cammino e nella corsa, presente nella stazione eretta, nel cammino e nella corsa.

Da qui la proposta di introdurre il termine di comportamento sulle punte, più che solo di cammino sulle punte. Inoltre, incrociando i dati acquisiti con quelli relativi al linguaggio, è stata trovata una relazione significativa tra il comportamento in punta e le difficoltà di linguaggio presenti nei soggetti autistici.

Oltre ad aver proposto una nuova classificazione, grazie a un test standardizzato per quantificare il comportamento in punta durante il mantenimento della stazione eretta e il cammino, i ricercatori di Villa Santa Maria hanno dimostrato che il fenomeno dipende per gran parte dalla superficie di appoggio, che se morbida riduce moltissimo il comportamento in punta. 

l comportamento sulle punte sarebbe quindi una delle espressioni di una diatesi sensoriale in cui il sistema nervoso centrale non è in grado di filtrare le stimolazioni periferiche (in questo caso di tipo propriocettivo), che risultano fastidiose. Stare sulle punte riduce la superficie di appoggio e quindi l’intensità sensoriale, diventando un modo di difesa involontario messo in atto dal cervello. Da qui la proposta di una soluzione tecnologica da applicare alla calzatura, attualmente sotto domanda di brevetto, che potrebbe rivelarsi una terapia a lungo termine per il disturbo. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Villa Santa Maria

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti