Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Essere canuti spia di aterosclerosi?

Quando i capelli bianchi sono indizio di problemi al cuore

di
Pubblicato il: 11-04-2017
Quando i capelli bianchi sono indizio di problemi al cuore © Thinkstock

Sanihelp.it - Stando a un recente ricerca, effettuata da un team di scienziati dell’egiziana Università del Cairo, vi sarebbe una correlazione tra il rischio di manifestare aterosclerosi e la presenza di capelli bianchi. La scoperta, presentata all’EuroPrevent 2017 di Malaga, ossia il Congresso annuale dell’European Society of Cardiology, sostiene infatti che «il grado di ingrigimento del cuoio cappelluto - dichiara Irini Samuel, una delle autrici dello studio - può realmente rappresentare una sorta di allarme rosso per cuore a arterie».

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno coinvolto 545 uomini adulti, sottoponendoli a TAC coronarica in modo da poter verificare l’eventuale presenza di patologie cardiovascolari. Dai risultati così ottenuti, i volontari sono stati suddivisti in vari gruppi, sulla base della presenza del disturbi coronarico e a seconda del grado di ingrigimento dei capelli; quest’ultimo fattore è stato suddiviso in 5 livelli: dal primo livello, cioè l’assenza di capelli bianchi; al quinto livello, ossia la presenza di soli capelli bianchi. Sì è così notato che i soggetti di livello 3, o superiore, presentavano rischi di ostruzione arteriosa più elevati degli altri, nonché un maggior grado di calcificazione coronarica.

A questo punto, afferma la dottoressa Samuel, «servono ulteriori ricerche, in coordinamento con i dermatologi, per capire meglio le possibili cause genetiche e i fattori ambientali, eventualmente evitabili, che determinano l’imbiancamento della chioma. È inoltre necessario uno studio più ampio, che coinvolga sia uomini sia donne, per confermare l’associazione tra capelli grigi e malattie cardiovascolari nei pazienti senza altri fattori di rischio noti».

La scoperta è di rilevante importanza giacché, se dovesse venire confermata, si potrebbero valutare la possibilità di standardizzare la verifica del grado di ingrigimento come fattore predittivo dell’aterosclerosi.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Università del Cairo, Europrevent 2017

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti