Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Capelli: italiani insoddisfatti, invidiosi e disinformati

di
Pubblicato il: 31-05-2017
Capelli: italiani insoddisfatti, invidiosi e disinformati © Thinkstock

Sanihelp.it - Circa un italiano su 2 è insoddisfatto della propria chioma, rivela una ricerca condotta da Doxa Duepuntozero e promossa da HairClinic, in ambito della prima edizione dell'Osservatorio Calvizie. 

Il tema capelli crea un forte coinvolgimento emotivo, tanto da generare invidia nei confronti degli altri (ben 8 donne su 10 e 7 uomini su 10!) e questo indipendentemente dalla quantità di capelli che uno ha. La perdita di capelli colpisce una gran numero di persone, quasi due terzi degli italiani. Anche nei giovani under 25 anni, 1 su 3 dichiara di soffrirne. Il problema dell’alopecia colpisce più del 10% degli uomini e arriva al 21% tra quelli tra i 45 e 54 anni; le donne, invece, sono meno colpite, seppur più informate.
 
Andando a sfatare qualche mito, emerge come sia noto a quasi tutti che la caduta dei capelli non riguarda solo gli uomini, ma colpisce anche le donne; tuttavia nelle donne è percepita più come una rarità (soprattutto da parte degli uomini, mentre è alta la percentuale di donne che ritiene non vi siano differenze tra uomini e donne).

Guardando alla sfera maschile: tra i propri conoscenti sono più gli uomini che soffrono di caduta/perdita di capelli che quelli senza problemi. Il 40% delle donne con un compagno ha il partner che soffre di perdita di capelli; dato che si dimezza quando sono gli uomini a rispondere.

La caduta dei capelli è non solo un problema estetico ma anche emotivo: impatta sulla vita delle persone, quasi 1 su 3 degli uomini intervistati è stato preso in giro, 1 su 5 ha vissuto un momento di imbarazzo e 1 su 10 dichiara di non essere stato selezionato per un lavoro!
 
Circa le cause alla base del fenomeno, oltre a elementi di natura genetica e all’invecchiamento, i fattori che le persone credono incidere di più sono lo stress, i traumi e i medicinali. Molto bassa la pratica di recarsi da uno specialista: solo il 20% lo ha fatto. Tra chi soffre di caduta dei capelli, solo il 27% degli uomini e 25% delle donne ha fatto una visita da uno specialista. Risulta molto elevata l’autoinformazione, dove internet gioca un ruolo fondamentale.
 
Le donne confermano di essere più attente all’impiego di shampoo, farmaci e integratori. Seppure più utilizzati, l’efficacia riconosciuta a questi ultimi è molto bassa. Tra le cure possibili, sono la medicina rigenerativa e la chirurgia quelle ritenute più efficaci e, per una risoluzione del problema, sono gli uomini quelli più disposti a spendere: 1 su 5 oltre 2.000 euro.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Osservatorio Calvizie

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4.63 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti