Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Strategia In & Out per le zone ribelli

Body shaping: programma rimodellante

di
Pubblicato il: 20-06-2017

Per snellire e rimodellare le zone critiche, come pancia, fianchi, glutei e gambe, serve un sapiente mix di moto, dieta e cosmetici.

Body shaping: programma rimodellante © Thinkstock

Sanihelp.it - Con l’arrivo del caldo inizia l’operazione remise en forme, con più di un italiano su tre (38%) che è o sta per mettersi a dieta per non fallire la prova costume. È quanto emerge da un recente sondaggio della Coldiretti, che consiglia di puntare su frutta e verdura, sia interi che sotto forma di succhi, estratti e centrifugati, per dimagrire, depurarsi e sgonfiarsi in vista del bikini.

Cortilia, mercato agricolo online, consiglia un centrifugato a base di sedano, cetrioli e mele golden per un rapido effetto detox. Per drenare i liquidi in eccesso e alleggerire la silhouette, è bene puntare sul mix carote, ravanelli, limone e zenzero. Il ravanello contiene iodio, che accelera la combustione del tessuto adiposo.

Insieme con il potere disintossicante dello zenzero e gli enzimi digestivi del limone che tengono a bada la fame, è perfetto per ridurre gli effetti della ritenzione idrica e, grazie alle carote, stimolare la produzione di melanina per una tintarella uniforme e ben protetta. Un’altra bevanda detossinante: tarassaco, cetrioli, mele golden, menta e zenzero.

Fondamentale abbinare alla dieta un’adeguata attività fisica e l’uso costante di cosmetici ad azione snellente e tonificante, specifici per le zone ribelli come pancia, fianchi, glutei e gambe. Le stesse misure sono efficaci anche per ridurre gli inestetismi della cellulite, che spesso si accompagnano all’accumulo adiposo.

«Pur essendo legata a fattori genetici, la cellulite dipende spesso dalla ritenzione idrica, una non equilibrata alimentazione e poco movimento - conferma Patrizia Gilardino, chirurgo estetico di Milano. Per quanto riguarda la medicina estetica - tenendo come base la carbossiterapia, è possibile abbinarvi la mesoterapia o le onde d’urto».

«Nel primo caso l’anidride carbonica, utilizzata per stimolare la rigenerazione cellulare, potenzia gli effetti di una mesoterapia, trattamento questo che riduce la ritenzione idrica, drena i tessuti dalle scorie e migliora la circolazione. Nel secondo, le onde d’urto agiscono direttamente sul metabolismo cellulare con un effetto rigenerativo importante.

La modulabilità del trattamento consente di intervenire non solamente in presenza di cellulite, ma anche con piccoli accumuli di grasso, grazie alle onde planari. L’uso combinato con la carbossiterapia permette un’azione in profondità, sia per combattere la cellulite, sia per restituire alla pelle una maggiore tonicità».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti