Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Non colpire, inseguire il gatto o urlargli contro

Come educare il gatto a non mordere e graffiare

di
Pubblicato il: 13-06-2017

Il gatto è un animale pacifico, ma può succedere che aggredisca il padrone. Ecco alcuni consigli pratici per redarguirlo

Come educare il gatto a non mordere e graffiare © Thinkstock

Sanihelp.it - Quando il gatto tenta di mordere o graffiare è importante reagine nella maniera corretta. Di norma il gatto è un animale pacifico che non ama mordere o graffiare, tuttavia non è escluso che possa capitare, allora è bene prevenire gli attacchi e comportarsi nella maniera esatta quando si è aggrediti.

La prima regola è quella di non colpire, inseguire o urlare contro l’animale, ma cercare di mantenere la calma, altrimenti potrebbe innervosirsi di più. Neppure serve richiamarlo per poi punirlo: non capirebbe il motivo della punizione perché, se richiamato dal padrone, il gatto si aspetta di essere ricompensato. Altro modo di reagire: alzarsi e allontanarsi dall’animale finché non si è tranquillizzato. Evitare di fargli le coccole, dopo che ha attaccato, ma cercare di fargli capire che ha sbagliato, redarguendolo.

Se dovesse verificarsi di passare da una stanza all’altra, lasciare una via di fuga al gatto, perché se sbarra la strada con atteggiamento aggressivo, potrebbe sentirsi in trappola e reagire, difendendosi perché si sentirebbe minacciato. Per evitare che possa interpretare il cibo come una ricompensa, è necessario aspettare almeno venti minuti dopo l’aggressione, prima di farlo mangiare. È importante capire perché l’animale si comporta in modo aggressivo e cercare di alimentare i rinforzi positivi, ricompensandolo quando si comporta bene e ignorandolo se si comporta male.

Si può anche lodarlo dandogli un giocattolo da mordicchiare. Ad ogni modo, non appena inizia a mordere o graffiare, si deve usare la voce e il linguaggio del corpo: dire un »no!» in modo autoritario e fissarlo con uno sguardo indifferente o feroce, proprio per affermare la propria dominanza e battere le mani. Quindi allontanarsi e ignorarlo per almeno dieci minuti. Sono azioni che vanno ripetute ogni volta che il gatto cerca di aggredire. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
redazione

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti