Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rasoi, creme ed epilatori

Via i peli: metodi a confronto

di
Pubblicato il: 27-06-2017

Le ricerche confermano che sulla pelle liscia, senza l'ombra di un pelo, le donne non scherzano. Cercano soluzioni pratiche, veloci e dai risultati duraturi. I consigli dell'esperta.

Via i peli: metodi a confronto © Thinkstock

Sanihelp.it - La depilazione? È un gesto di bellezza di primaria importanza. Lo rivela il Philips Global beauty Index, un’indagine svolta nel 2016  su un campione di oltre  11.000 donne provenienti da 11 Paesi, secondo cui il 45% delle donne nel mondo include la rimozione dei peli superflui nella routine di bellezza giornaliera. Un quarto (24%)  è disposta anche a trattamenti di epilazione progressiva, per non doversene occupare troppo spesso.

«La depilazione consiste nella rimozione del pelo a partire dal punto di emersione a livello della cute, con crema depilatoria o rasoio - spiega la dottoressa Corinna Rigoni, specialista in dermatologia a Milano, presidente e fondatrice di Ddi (Donne dermatologhe Italia) - L’epilazione invece prevede l’eliminazione dell’intero pelo, con strumenti come ceretta a caldo o a freddo, epilatori elettrici, pinzetta o metodologie laser».

Le differenze sono evidenti: nel primo caso, spesso la ricrescita del pelo è più rapida, anche se non è vero, come molti credono, che rasoi e creme depilatorie regalano peli più duri, scuri e folti. Uno studio clinico indipendente, promosso da Gillette Venus, dimostra che l’utilizzo del rasoio non provoca una ricrescita di peli più lunghi, spessi o scuri. In 3 mesi, la rasatura non ha influenzato la densità, la struttura, il colore o la lunghezza dei peli.

Per questo in Italia sempre più donne scelgono di depilarsi con il rasoio (dati Nielsen): piccoli, pratici e veloci, questi apparecchi hanno registrato negli ultimi 3 anni un aumento delle vendite del 6-8%. L’84% sceglie device monouso, il 16% rasoi ricaricabili.

Sono soprattutto le ragazzine a preferirlo, usandolo più volte a settimana, preferibilmente sotto la doccia o nella vasca. «Una buona abitudine - commenta la dermatologa – È utile infatti, prima di depilarsi ammorbidire la pelle con acqua calda e un gel emolliente, oppure la schiuma da barba, lasciandola inumidire bene per 2-3 minuti. Sconsigliato il sapone solido. Strofinando la pelle umida con un asciugamano asciutto, i peli si inclinano e sono più facilmente asportabili, riducendo il rischio di irritazioni, follicoliti e peli incarniti».

I metodi epilatori fai-da-te, invece, garantiscono una pelle liscia per almeno un mese, se correttamente eseguiti. In più le metodiche professionali laser o luce pulsata, oltre alla melanina del pelo, colpiscono le cellule staminali, provocando un progressivo diradamento dei peli nella zona trattata.

Qualsiasi metodo si scelga, il momento migliore per depilarsi è la sera, per dare alla pelle il tempo di riprendersi dal trauma. Dopo aver finito, non strofinate la pelle, ma tamponatela delicatamente: l’acqua in eccesso si combina con il prodotto idratante applicato dopo. Con i peli infatti viene via anche uno strato di cheratina, che ha un ruolo protettivo: va reintegrata stendendo subito una crema leggera e non oleosa. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti