Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Un nome accattivante rende tutto più buono

di
Pubblicato il: 20-06-2017

Secondo uno studio americano attribuire un nome accattivante a un piatto induce a sceglierlo anche se del tutto veg!

Un nome accattivante rende tutto più buono © Thinkstock

Sanihelp.it -  In molti quando pensano a un piatto interamente a base di verdure, tendono a pensare che non sia saporito: l’idea che ci si fa di un piatto e del suo sapore, però, non è solo quella che si costruisce in base alla vista e al sapore, poiché anche l’udito gioca un ruolo nient’affatto marginale.

Dare un nome accattivante a un piatto di verdure, infatti, sembra la chiave giusta per indurre chiunque, a sceglierlo e a preferirlo, anche a piatti apparentemente più succulenti.

Che le parole potessero influenzare le scelte alimentari, d’altra parte, è noto da tempo: alcuni studi hanno evidenziato come ai bambini nelle mense scolastiche verdure attribuendo ai piatti nomi buffi è un modo per incrementarne fortemente il consumo.

I bambini hanno mangiato le carote più volentieri se sapevano di mangiare carote per una vista ai raggi X anziché semplici carote! 

Allo stesso modo uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha evidenziato come il modo migliore per incrementare il consumo di verdura fra gli studenti universitari è quello di giocare sui nomi. 

A 600 studenti dell’Università di Stanford sono stati proposti per diversi giorni consecutivi, piatti a base di verdura, cucinati sempre nello stesso modo e impiattati ugualmente, ma cambiando di giorno in giorno la denominazione.

Nei giorni in cui figurava la sola dicitura fagiolini il piatto veniva scelto molto meno rispetto ai giorni nei quali i fagiolini venivano indicati come fagiolini e scalogno a basso contenuto calorico, fagiolini e scalogno rinvigorenti o fagiolini teneri e fragranti con scalogno croccante.

Proprio quest’ultima dicitura, decisamente pomposa, ha indotto il maggior numero di persone a scegliere i fagiolini, altrimenti guardati con poco favore quando indicati con la dictura basic.

Gli autori dello studio hanno visto, a conferma, che ottenevano il maggior consumo di rape o carote se le chiamavano per esempio, rape dinamite o carote glassate al lime.

Lo studio, in sostanza, conferma quanto le scelte alimentari siano davvero delicate e riconducibili non solo al gusto, ma a moltissimi altri fattori. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
http://news.stanford.edu/2017/06/12/decadent-sounding-labeling-may-lead-people-eat-vegetables/

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti