Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Maria Cecilia Hospital tra i primi centri europei

Energia ghiacciata contro la Fibrillazione atriale

di
Pubblicato il: 28-06-2017
Energia ghiacciata contro la Fibrillazione atriale © Thinkstock

Sanihelp.it - Aritmia particolarmente insidiosa, la cui caratteristica sintomatologia, battito molto rapido ed irregolare, è il primo campanello d’allarme, la Fibrillazione atriale è una patologia a diffusione planetaria. Una malattia, l’incidenza cresce all’avanzare dell’età biologica, rende impossibile un’efficace contrazione delle cavità atriali del cuore che si ripercuote, a sua volta, sulla funzionalità dei ventricoli e sul flusso sanguigno. Può portare ad ictus cerebrale, scompenso cardiaco e gravi problematiche renali. La previsione degli specialisti parla di quasi 20 milioni di malati entro il 2030.

«​I dati dell’esperienza di Maria Cecilia Hospital sull’ablazione (rimozione del difetto elettrico) mediante Cryoenergia – spiega il dottor Saverio Iacopino - confermano il nostro Centro quale struttura in Italia e in Europa con la maggiore percentuale di casi sottoposti ad efficace terapia». 

La Crioablazione è la tecnica che utilizza un dispositivo medico a forma di palloncino (il criopallone) in grado di sfruttare l’energia fredda - la temperatura media varia dai -40° ai -45° - per cicatrizzare, ghiacciandolo, il tessuto da cui scaturisce il problema elettrico del cuore.

Nella Crioablazione, l’energia fredda si somministra in maniera più omogena rispetto alla Radiofrequenza (o ablazione a caldo estremo). Il dispositivo, del diametro di circa 30 millimetri, è introdotto dall’atrio sinistro in corrispondenza delle 4 vene polmonari. Contiene un piccolo sensore capace di riprodurre i segnali elettrici da eliminare; in questo modo si è in grado di capire dove, durante la procedura, il segnale smette di propagarsi. Se il potenziale elettrico s’interrompe entro 1 minuto dall’inizio dell’ablazione, l’efficacia del trattamento è a lungo termine.

È una metodica che dimostra minore probabilità di recidive - riducendo di molto l’esposizione radiologica per tecnici, medici e malati - nonché minori eventi avversi dopo la procedura (necessità di eseguire una cardioversione elettrica o di ripetere l’ablazione). Richiede una sedazione del paziente meno profonda.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Maria Cecilia Hospital

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti