Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Per le ragazze è episodica, per i ragazzi è persistente

Depressione, ecco le differenze tra i sessi

di
Pubblicato il: 21-07-2017
Depressione, ecco le differenze tra i sessi © Thinkstock

Sanihelp.it - La depressione è una patologia psichiatrica o disturbo dell’umore, chi ne soffre mostra e prova frequenti e intensi stati di insoddisfazione e bassa autostima e tende a non provare piacere nelle comuni attività quotidiana. È un disturbo che può risultare seriamente invalidante, coinvolgendo le sfere affettiva e cognitiva della persona e agendo negativamente sulla vita familiare e lavorativa, sulle abitudini alimentari, sul sonno e sulla salute in generale.

Un recente studio, condotto da un team di ricercatori dell’Università di Cambridge e pubblicato su Frontiers of Psychiatry, ha indagato i meccanismi cerebrali che stanno alla base della depressione. La ricerca, coordinata da Jie-Yu Chuang, ha preso in esame due gruppi di volontari in età adolescenziale (tra gli 11 e i 18 anni): il primo gruppo composto da 82 ragazze e 24 ragazzi, tutti affetti da depressione moderata o grave; il secondo gruppo formato da 24 ragazze e 10 ragazzi non affetti da depressione. A tutti i partecipanti è stata monitorata l’attività cerebrale - mediante risonanza magnetica (RM) - durante un test: mentre giacevano distesi all’interno del macchinario per la RM è stato chiesto loro di leggere parole che suscitano comunemente sentimenti neutri, di felicità o di tristezza. 

Dai risultati dell’esame è emerso che vi è una risposta nettamente diversa tra i due sessi a seconda dei termini proposti; inoltre, se la differenza di attività cerebrale tra le ragazze affette da depressione e quelle sane è minima, lo stesso non si può dire per il sesso maschile. In effetti, tra i ragazzi depressi e quelli »sani» è stata rilevata una notevole differenza nell’attività che coinvolge l’area cingolata posteriore e la circonvoluzione sopramarginale, la regione del lobo parietale coinvolta nella percezione e nell’elaborazione del linguaggio.

Già da studi precedenti si sapeva che gli uomini sono propensi a soffrire di depressione persistente, mentre le donne tendono ad andare incontro a eventi rapsodici; ciò che fornisce questa ricerca sono i primi dati su una marcata differenza tra uomini e donne nei meccanismi cerebrali coinvolti nella patologia.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Frontiers of Psychiatry

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti