Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Mode

Attenzione alle pillole di placenta

di
Pubblicato il: 25-07-2017

Il trend promosso da celebrity come Kim Kardashian e Alicia Silverstone si sta diffondendo sempre più anche tra le mamme comune, almeno negli Usa. Ma è rischioso.

Attenzione alle pillole di placenta © Thinkstock

Sanihelp.it - La prima mamma famosa che ha fatto sapere di avere mangiato la propria placenta è stata Nicole Kidman. Ma rapidamente la lista si è allungata: January Jones, Claudia Galanti, Alicia Silverstone, le sorelle Kardashian sono solo alcune delle celeb fan della placentofagia, che si sono concesse frullati di placenta o placenta essiccata incapsulata.

E dalle mamme famose a tutte le altre il passo è stato breve, tanto che almeno negli Stati Uniti è diventata una vera e propria moda. Ma se per gli altri mammiferi nutrirsi della placenta è normale, per l’uomo no. Si può fare, ma gli esperti americani mettono in allerta, soprattutto dopo che il consumo di pillole di placenta sembra aver causato una ripetuta infezione da streptococco del gruppo B in un bebè: la vicenda, descritta sul Morbidity and Mortality Weekly Report dei Centers for Disease Control and Prevention (Usa), è rimbalzata sulla Cnn.

Il piccolo era nato lo scorso autunno e poco dopo è stata rilevata l'infezione da streptococco B, che può causare gravi problemi nei neonati, incluse sepsi, polmonite e meningite. Normalmente, quando un bimbo tanto piccolo contrae l'infezione, questa viene trasmessa dalla mamma durante il parto. Il bebè è stato trattato e poi dimesso. Ma dopo appena 5 giorni il piccolo è stato ricoverato in un altro ospedale: i test hanno rivelato una nuova infezione da streptococco di gruppo B. I sanitari hanno testato il latte materno, che si è rivelato negativo, si sono concentrati quindi sulla placenta, che la madre stava assumendo a un ritmo di due pillole tre volte al giorno. Una volta testata la sostanza essiccata nelle capsule, questa si è rivelata positiva per streptococco B.

L’ipotesi è che la placenta non sia stata cotta a temperature sufficientemente elevate per uccidere i batteri scoperti poi nelle pillole. Il report conclude che «l'ingestione di capsule di placenta dovrebbe essere evitata», e che le mamme dovrebbero essere consapevoli dei potenziali rischi.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti