Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Uomo

Sesso e videogame: quale relazione?

di
Pubblicato il: 22-08-2017

Qual è l'impatto dei videogiochi sull'attività sessuale, in particolare quella maschile? Se lo sono chiesto alcuni studiosi italiani.

Sesso e videogame: quale relazione? © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - La passione per i videogiochi è sempre più diffusa e non conosce età. E se non mancano ricerche scientifiche che hanno cercato di capire gli effetti sulla salute umana di questa forma di intrattenimento, non ci si è ancora chiesti, che effetto, positivo o negativo, possa avere anche sulla sfera sessuale. Almeno fino ad ora.

Un gruppo di ricercatori italiani, infatti, ha svolto uno studio osservazionale per indagare il legame tra intrattenimento elettronico e sessualità maschile (in particolare per la risposta eiaculatoria e il desiderio sessuale) i cui risultati sono stati pubblicati recentemente sul Journal of Sexual Medicine.

I ricercatori hanno sottoposto a 396 uomini tra i 18 e i 50 anni, reclutati tramite reti sociali e siti web specifici, due questionari validati scientificamente (lo strumento diagnostico di eiaculazione precoce e l'Indice internazionale di funzionalità di erettile). I partecipanti allo studio sono stati divisi in due gruppi, quello dei giocatori, intendendo come tali chi passa in media più di un’ora al giorno ai videogame, e quello dei non giocatori.

Confrontando i risultati, non sono state evidenziate differenze tra i due gruppi circa la funzionalità erettile. È emerso, però, che rispetto ai non giocatori, gli uomini che giocano ai videogiochi per più di un'ora al giorno hanno meno probabilità di avere eiaculazione precoce. Questo potrebbe dipendere dalle alterazioni dei livelli di recettività alla dopamina (neurotrasmettitore coinvolto nell’eccitazione e nell’eiaculazione) che sono maggiori nei giocatori. Di contro, però, chi passa più tempo ai videogame è risultato avere maggiori probabilità di diminuire il desiderio sessuale: un calo del desiderio imputabile, probabilmente, allo stress della competizione che potrebbe stimolare la produzione di prolattina. Trattandosi del primo studio volto a valutare la salute sessuale maschile nei giocatori, i risultati ottenuti richiederanno la convalida attraverso ulteriori ricerche.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Journal of Sexual Medicine

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:
Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti