Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Il formidabile calcolatore di casa IBM

Un supercomputer contro il cancro

di
Pubblicato il: 29-08-2017
Un supercomputer contro il cancro © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Si chiama Watson ed è un potentissimo calcolatore prodotto dalla nota azienda informatica statunitense IBM: un computer in grado di scovare eventuali tumori cerebrali, nonché suggerirne l’opportuna terapia, nell’arco di soli 10 minuti; compito che, solitamente, l’uomo svolge in non meno di 6/7 giorni

La ricerca che ha portato alla verifica delle capacità di Watson è stata coordinata dal New York Genome Center ed è stata pubblicata sulla rivista scientifica Neurology Genetics. Per testare le qualità del prodotto di casa IBM è stato impiegato il caso di un paziente - affetto da un tumore cerebrale che prende il nome di glioblastoma - morto meno di un anno dopo la scoperta della malattia e nonostante un intervento chirurgico di rimozione del cancro, tre settimane di radioterapia e un lungo periodo di chemio. Per verificare l’eventuale possibilità di un diverso e più effiace trattamento è stato sequenziato il DNA del tumore sia con un uno dei test impiegati abitualmente, il quale analizza solo alcune parti del genoma, sia mediante sequenziamento totale di DNA ed RNA. I risultati ottenuti sono stati poi analizzati sia da un team formato da un oncologo, un neuro-oncologo e un bioinformatico, sia dal supercomputer. 

Ebbene, mentre Watson ha impiegato solo 10 minuti per suggerire la terapia, agli esseri umani sono servite ben 160 ore; differenza non da poco, tenuto conto che in situazioni di questo tipo il tempo è una variabile fondamentale per i pazienti. Tuttavia, è importante sottolineare che la vittoria del computer IBM è stata solo parziale, giacché i medici sono riusciti a concepire una combinazione di farmaci potenzialmente più efficace per il malato rispetto alla terapia consigliata dal calcolatore

Non è comunque il primo impiego di Watson: con il suo database di 23 milioni di articoli scientifici, dati sui test clinici e altre informazioni, aiuta ormai da tempo i medici negli ospedali di tutto il mondo e, in particolare per quanto riguarda i tumori al seno, vanta un 90% di diagnosi confermate dall’uomo.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Neurology Genetics

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti