Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Strategia In & Out

Pelle nuova dopo l'estate, con il mix cosmetici e dieta

di
Pubblicato il: 05-09-2017

I consigli degli esperti per riparare i danni dell'estate sulla pelle e prepararla al cambio di stagione.

Pelle nuova dopo l'estate, con il mix cosmetici e dieta © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Estate addio, benvenuto autunno. «Al rientro dalle vacanze, con l’affievolirsi dell’abbronzatura, le rughe e le macchie causate dal sole diventano più evidenti anche sotto forma di segni che prima non avevamo mai visto – spiega il dottor Fernando Marco Bianchi, specialista in dermatologia e venereologia - Gli effetti negativi della salsedine, del vento, della sabbia e del cloro si uniscono a quelli dei raggi solari, disidratando e ispessendo la pelle del viso, diminuendone l’elasticità».

Il consiglio è quello di seguire una strategia di recupero, specie in vista dei primi sbalzi di temperatura e, più a lungo termine, dei primi freddi. Come? «Vietate le lampade. Seguite una regolare igiene del viso con prodotti non aggressivi e utilizzando acqua oligominerale, se quella del rubinetto è troppo ricca di calcare. Per combattere gli sbalzi termici, che provocano costrizione dei vasi sanguigni e disidratazione, e l’effetto di smog e polveri sottili, che alterano il film idrolipidico, usate cosmetici emollienti e integratori di antiossidanti».

«Per quanto riguarda la dieta, ci sono nutrienti particolarmente utili quando la pelle è stressata, al ritorno dalle vacanze – prosegue la professoressa Alessandra Bordoni, docente di scienza dell'alimentazione e nutrizione umana all’università di Bologna - Un esempio è la vitamina C (acido ascorbico), che favorisce la sintesi di collagene: è presente non solo negli agrumi ma anche nei peperoni, nel kiwi e nel cavolo.

Altri (rame, selenio, zinco, riboflavina, vitamina E, vitamina C) proteggono le cellule dallo stress ossidativo, a cui la pelle è sottoposta anche d’autunno, per via dell’esposizione alla luce solare. Il rame si trova in abbondanza nelle ostriche e nel fegato, ma anche negli anacardi e in altra frutta a guscio, in alcuni formaggi e in alcuni pesci (come acciughe, cefalo, polpo). La vitamina E è presente nei semi oleosi e dagli oli che da essi derivano.

La biotina (o vitamina B7) è contenuta in grandi quantità nelle arachidi e nocciole. Lo iodio si trova in tutti i prodotti ittici ma anche, seppur meno, nell’uovo. Non devono mancare: la niacina, di cui la crusca di grano è ottima fonte e presente anche in buona quantità nelle arachidi, nelle acciughe, nelle carni avicole. La vitamina B2, la cui concentrazione è massima nel fegato e nelle frattaglie. La vitamina A e le rispettive provitamine, di cui è ricco il fegato ma anche alcuni vegetali, in particolare quelli di colore rosso, arancio e giallo. Infine lo zinco, di cui sono ricche le ostriche, le trote, la crusca e il germe di grano, la frutta a guscio».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Swisse

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti