Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

L'olfatto è quello più sviluppato

I cinque sensi del cane

di
Pubblicato il: 19-09-2017

Olfatto, udito, vista, tatto, gusto. L'unico senso del cane meno sviluppato rispetto all'uomo è il gusto

I cinque sensi del cane © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Tra i cinque sensi del cane, quello più sviluppato è l’olfatto, seguono l’udito, il gusto, la vista e il tatto. Vediamoli in dettaglio. L’aria che il cane inspira attraverso il suo naso, che si chiama tartufo, si diffonde attraverso 300 milioni di recettori olfattivi, mentre quelli dell’uomo sono sei milioni. La corteccia del cervello dell’amico a quattro zampe, quella che controlla gli odori, occupa il 12, 5 per cento, mentre nell’uomo l’11 per cento. Ciò significa che il cane è in grado persino di identificare odori che risalgono a sei settimane prima. La sua capacità olfattiva dipende anche dalla razza.

Anche l’udito del cane è superiore rispetto a quello degli umani. I cani, infatti, riescono a percepire i suoni a una distanza quattro volte superiore rispetto all’uomo e non solo: hanno la capacità di percepire molti più suoni, riescono ad individuare meglio da dove proviene il suono. Anche in questo caso dipende molto dalla razza.

Al contrario, per il gusto, il cane non batte l’uomo. L’umano ha 9 mila papille gustative, il cane invece 1700. Il cane mangia un cibo differente da quello dell’uomo, che è più vario di quello del pet, e poi anche perché ingoia senza masticare. Poi c’è la vista. Il cane distingue solo il giallo e il blu e alcune tonalità di questi due colori, anche se è un predatore e la sua vista è sensibile al movimento. Riesce a mettere gli oggetti a fuoco a 50 centimetri di distanza, ma ha un campo visivo più ampio di quello dell’uomo. Infine riesce a vedere bene la notte.

Poi c’è il tatto. Altro senso importante e soprattutto fondamentale alla nascita: i caninascono sordi e ciechi, per loro quindi il tatto è importante. È attraverso i peli del mento e le cellule nervose collegate che il pet definisce la forma degli oggetti. Con i baffi, le vibrisse, percepisce la temperatura degli oggetti e la temperatura del cibo. In più tutto il suo corpo ha delle terminazioni nervose che vengono stimolate dal tatto.  



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti