Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Neo o melanoma? Come riconoscere una macchia a rischio

di
Pubblicato il: 26-09-2017
Neo o melanoma? Come riconoscere una macchia a rischio © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - La stagione estiva è ormai un lontano ricordo e così anche l'abbronzatura. Non tutti sanno però che sole, tintarella artificiale e creme solari non adatte stanno facendo aumentare in tutti i Paesi occidentali i casi di melanoma, un tumore della pelle molto aggressivo che, se scoperto tempestivamente, consente una guarigione completa.

Anche nel caso di presenta di nei sul corpo, la prevenzione è fondamentale, in primis, fare un controllo annuale dei propri nevi, ed effettuare, autonomamente con frequenza mensile, l’autoesame della propria pelle al fine di evidenziare qualsiasi piccola nuova anomalia o variazione.

«Se facendo l’autoesame mensile della propria pelle identifichiamo cambiamenti in un neo o la presenza di nuovi nei è bene rivolgersi tempestivamente allo specialista dermatologo - rivela Fernando Bianchi, dermatologo - il  quale, effettuando una visita completa ed un esame dermatoscopico di tutta la superficie cutanea, valuterà l’eventuale presenza dei segni clinici tipici del melanoma».

Il primo segnale di allarme per sospettare un melanoma cutaneo è il cambiamento, anche minimo, nell'aspetto di un neo o la comparsa di un nuovo neo o neoformazione su pelle sana. Le caratteristiche da considerare in un neo che possono indicare l'insorgenza di un melanoma sono riassumibili grazie alla regola orientativa  ABCDE:

A come Asimmetria quindi irregolarità della forma del neo;
B come Bordi  quindi irregolarità nei bordi del neo;
C come Colore variabile, scuro, disomogeneo  con sfumature diverse all'interno del neo stesso;
D come Dimensioni che  aumentano, sia in larghezza che in spessore;
E come Evoluzione del neo che mostra  cambiamenti di aspetto,

Numerosi sono gli altri campanelli d’allarme: il neo che sanguina, che prude o che è circondato un’area  arrossata. Non appena si riscontra o sospetta uno di questi segnali, o qualsiasi altra anomalia a carico di un neo, è fondamentale consultare rapidamente lo specialista dermatologo, il quale potrà effettuare una corretta diagnosi e intervenire di conseguenza.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Federico Bianchi

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti