Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Capelli in autunno: le dritte per non perdere la testa

di
Pubblicato il: 16-10-2017
Capelli in autunno: le dritte per non perdere la testa © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Autunno, cadono le foglie e … i capelli! La tradizione popolare non mente: questo è, infatti, il periodo dell’anno in cui si assiste alla caduta dei capelli. È d’obbligo fare un po’ di chiarezza per evitare allarmismi legati a possibili malattie e capire come aiutare la rigenerazione capillare con accorgimenti alimentari, cosmetici e comportamentali.

«In media, si perdono naturalmente fino a 100 capelli al giorno, numero che, dopo l’estate, può aumentare a causa dello stress subito dalla capigliatura durante l’esposizione al sole - spiega la dermatologa Maddalena Montalbano, medico dermatologo e specialista in medicina estetica a Milano - Per favorire il ricambio stagionale è utile agire da subito con un'alimentazione ricca di principi nutritivi: il super cibo è il miglio, un cereale antico e spesso dimenticato che vanta, insieme ai semi di zucca, un’azione ricostituente del bulbo capillare poiché contiene vitamine, acido folico, ferro, calcio, potassio, magnesio, zinco e cisteina. È consigliabile assumerlo anche sotto forma di integratore, insieme ad altri che contengono lattoferrina, biotina e vitamina H.

Dal punto di vista topico, invece, si può agire direttamente sul cuoio capelluto con lozioni e shampoo a base di polipeptidi che promuovono la stimolazione cellulare e quindi la formazione di capelli nuovi. La beauty routine quotidiana deve comprendere prodotti che assicurino una detersione dolce, non aggressiva sul sebo, fondamentale per lubrificare il capello, e che abbiano una forte capacità rigenerante, come le maschere».

Ma se, nonostante questi accorgimenti, la caduta non accennasse a diminuire, diventa d’obbligo una visita dal dermatologo. «Il primo passo è valutare la salute del capello con un esame, il tricogramma, che permette, con un’analisi microscopica del bulbo, di conoscere le reali cause celate dal processo di caduta - continua la dottoressa Montalbano - A questo si aggiunge un’anamnesi dello stato di salute generale, che prevede esami di laboratorio volti a valutare se la perdita del capello sia transitoria oppure dovuta ad altre cause. Infatti la perdita potrebbe essere legata a problemi di tiroide, una carenza di ferro o di vitamina D o il diabete. Questo permette interventi più mirati tenendo presente che, in caso di caduta più consistente, i primi risultati si hanno dopo circa 3 mesi».

E chi volesse accelerare il processo di ricrescita cosa deve fare? La dottoressa Montalbano suggerisce un trattamento dermatologico di iniezioni sul cuoio capelluto di un mix di sostanze rinvigorenti, composte da acido ialuronico e peptidi biomimetici che ridanno forza al capello, assicurandone il rinfoltimento. Un trattamento professionale, che prevede un ciclo di infiltrazioni ogni 15 giorni per almeno 2 mesi, che assicura da subito risultati visibili e non ha controindicazioni, dato che sfrutta le capacità naturali dei peptidi presenti naturalmente nel capello.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Maddalena Montalbano

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti