Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

Pasta: tutti pazzi per i piatti biologici ed eco-friendly

di
Pubblicato il: 26-10-2017
Pasta: tutti pazzi per i piatti biologici ed eco-friendly © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Le nuove tendenze di consumo premiano salute e sostenibilità. E trainano anche il mercato della pasta, con una forte crescita nei Paesi più strategici. Lo afferma uno studio di The Nielsen Company presentato in occasione di un board dell’IPO (International Pasta Organization), l’Associazione che riunisce i pastai di tutto il mondo.

Stiamo assistendo a un incremento delle vendite globali della pasta, pari al +2,3%, in quanto i consumatori cercano prodotti green e bio e come la pasta biologica, che sta crescendo a due zeri in alcuni Paesi. Questo trend è influenzato dalle nuove abitudini dei consumatori, che mostrano un crescente interesse per il benessere e un approccio sostenibile nei confronti dell’alimentazione, e dalla risposta dei produttori di pasta, che offrono prodotti innovativi in grado di soddisfare esigenze diverse.

In generale, spiega Aidepi (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane), i consumatori hanno un atteggiamento positivo nei confronti della pasta, riconoscendola come uno dei principali alimenti salutari. Lo dimostra tanto la ripresa dei consumi in alcuni mercati maturi quanto la crescita registrata nei mercati emergenti. Una buona notizia per l'industria della pasta, che da anni combatte contro la carbofobia, l'eliminazione dei carboidrati alimentata dall'insorgere di diete iperproteiche e da mode alimentari poco sane e bilanciate.

Valori di segno positivo anche per prodotti di nicchia come la pasta senza glutine, nonostante la percentuale di chi deve evitare il glutine per motivi di salute rappresenti un piccolo segmento. Per la popolazione restante, infatti, non c’è prova di alcun beneficio per la salute derivante dall’eliminazione del glutine dalla dieta.

Un'affermazione validata da scienziati e nutrizionisti di tutto il mondo, e scritta nero su bianco nel documento di Consenso Scientifico Healthy Pasta Meal rilasciato nel 2015, che riporta come la maggior parte della popolazione può mangiare la pasta e non deve scegliere un prodotto senza glutine se non è affetta da un disturbo glutine-correlato correttamente diagnosticato. Per chi è intollerante o allergico al glutine o soffre di celiachia esistono alternative senza glutine.

Tra i vantaggi della pasta, il fatto che si tratta di un alimento naturale e dall’impatto ambientale basso, fattori sempre più premianti agli occhi del consumatore di oggi. Inoltre, è un alimento a basso indice glicemico che dà sazietà a lungo, che fornisce al corpo carboidrati e proteine. È facile da trasportare o conservare, ed è pronta in pochi minuti.

Ma c’è un altro vantaggio che favorisce i produttori che puntano sul lato green del cibo: sempre secondo i dati di Nielsen, il 66% dei consumatori è disposto a pagare di più pur di avere un prodotto attento all’ambiente. I mercati chiave che contribuiscono alla crescita di questa tendenza non sono quelli comunemente associati alla pasta: Russia, Canada, Sudafrica, Turchia e Filippine. E sono global anche i mercati del futuro identificati dalla ricerca. Quelli che hanno le potenzialità per una crescita futura sono Camerun, Sudafrica, Filippine, Guatemala e Romania. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Aidepi

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti