Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Il merito è degli antiossidanti presenti nella bevanda

Il caffè: un potente salvacuore

di
Pubblicato il: 26-10-2017
Il caffè: un potente salvacuore © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Stando a quanto emerso da una ricerca effettuata da Sebastiano Marra, direttore del Dipartimento Cardiovascolare del Maria Pia Hospital di Torino, il caffè (anche quello decaffeinato), consumato nelle giuste quantità è un salva cuore: la bevanda è infatti risultata essere in grado di ridurre la mortalità legata alle malattie cardiovascolari. Questa la tesi che verrà presentata a Torino, città che il 27 e 28 ottobre prossimi ospiterà le XXIX Giornate Cardiologiche Torinesi ‘Advances in Cardiac Arrhythmias and Great innovations in Cardiology’.
Negli ultimi 30 anni la mortalità per cause cardiovascolari si è dimezzata, ed è proprio analizzando le cause di tale diminuzione che i ricercatori hanno rilevato che essa è in gran parte dovuta alla correzione di alcuni fattori: è così che da tre imponenti lavori, una metanalisi e due importanti ricerche è emerso che, a lungo termine, bere caffè ha un effetto positivo: quattro/cinque tazzine al giorno, anche di decaffeinato, riducono la mortalità cardiovascolare in follow up che vanno da 10 a 18 anni. Effetto che non sarebbe legato alla presenza di caffeina, ma alle sostanze antiossidanti presenti nel chicco di caffé - la sostanza con il più alto numero di antiossidanti presente in natura. Analoghi effetti positivi sulla salute del cuore, seppur di più lieve entità, si riconducono anche all’assunzione di cioccolato fondente all’85-90%.
C’è chi sostiene, tuttavia, che il caffé abbia anche effetti negativi che controbilancerebbero ampiamente quelli positivi; si potrebbe obiettare, ad esempio, che tale bevanda renda più agitati e provochi insonnia. I ricercatori però dichiarano che esistono dati, relativi a oltre 10 mila soggetti consumatori di caffè, i quali sostengono di dormire meglio ed essere meno ansiosi di chi non lo beve; anche l’aumento di pressione e colesterolo, a causa di tale bevanda, sarebbero miti da sfatare, sostengono gli studiosi piemontesi.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Maria Pia Hospital

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti