Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Prevenzione, cura e terapie

Associazione Italiana di Oncologia Medica: tumore del rene

di
Pubblicato il: 08-11-2017

Il tumore del rene è una malattia che riguarda sempre di più i giovani, il 25% dei pazienti ha meno di 50 anni al momento della diagnosi

Associazione Italiana di Oncologia Medica: tumore del rene © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Solo qualche anno fa questa percentuale era molto inferiore.

Questo tipo di tumore può essere correlato a stili di vita scorretti come fumo, eccesso di peso e dieta non equilibrata. Eliminare il vizio del fumo e consumare molti vegetali può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare la neoplasia.
Per questo l’AIOM ha lanciato una campagna educazionale che comprende diverse iniziative che hanno lo scopo di insegnare ai cittadini di ogni fascia d’età come stare alla larga da una neoplasia ancora poco conosciuta, in particolare rivolta alle persone che devono essere considerate particolarmente a rischio. 

Chi ha parenti di primo grado affetti da carcinoma può avere una maggiore probabilità di essere colpito dal tumore rispetto alla popolazione generale.

Più della metà delle diagnosi è casuale e avviene di solito tramite indagini eseguite per altri motivi. I principali sintomi sono sangue nelle urine, dolore al fianco e presenza di una massa palpabile a livello addominale.
Quest’anno il tumore del rene colpirà circa 13.600 italiani. Tuttavia, grazie a terapie sempre più personalizzate e alle diagnosi precoci, sette pazienti su dieci riescono a sconfiggere la malattia.

Negli ultimi anni è stata sviluppata una nuova classe di farmaci a bersaglio molecolare che hanno la capacità di colpire obiettivi cellulari precisi e impedire la crescita del cancro e che hanno dimostrato di essere particolarmente efficaci anche per i pazienti in fase metastatica.
Anche l’ipertensione arteriosa può rappresentare un fattore di rischio, in quanto gli ipertesi possono essere più soggetti rispetto ai normotesi al rischio di sviluppare un carcinoma del rene.

Le patologie cardiovascolari e le neoplasie renali sono strettamente collegate ed è possibile evitarle entrambe seguendo gli stessi semplici accorgimenti come non fumare, limitare il più possibile il consumo di bevande alcoliche, svolgere regolarmente attività fisica e seguire sempre una dieta sana ed equilibrata.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Pharmastar

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti