Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ideali al cambio di stagione

Maschere purificanti: pulizia e trattamento due-in-uno

di
Pubblicato il: 28-11-2017

Esfoliano, eliminano tossine e impurità, fanno venire alla luce la naturale lucentezza della pelle, oscurata da una patina di smog. Il gesto di bellezza che rinnova la pelle in profondità.

Maschere purificanti: pulizia e trattamento due-in-uno © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Colorito spento e opaco, pelle ruvida, punti neri e imperfezioni. Se la pelle appare affaticata e poco tonica, serve un trattamento d’urto che le restituisca in un lampo luminosità e freschezza. Sulla scia del nuovo multimasking trend (le maschere da alternare sul viso in base ai problemi e alle esigenze del momento, destinando a ogni area del volto formule specifiche), sono nate le maschere purificanti, che grazie agli attivi contenuti, associano una pulizia profonda della pelle a un’azione idratante, nutriente e antiage, a seconda del pool di ingredienti.

Nonostante la promessa di una decisa azione detox, ideale nelle grandi città dove la pelle soffoca per l’aria inquinata, sono prodotti adatti a tutti i tipi di pelle, anche le più sensibili, perché a base di attivi di origine vegetale (carbone, alghe marine, argilla), rispettosi della fisiologia cutanea, anche la più delicata.

Le maschere purificanti hanno un’azione energizzante e detossinante profonda, liberano i pori dalle impurità, regolarizzano la produzione di sebo, riducono visibilmente le imperfezioni, uniformano e illuminano il colorito. Immediatamente la pelle appare detersa, pulita, purificata. Inoltre sono trattamenti versatili e su misura: nere, bianche o colorate, in crema o gel, mixandole è possibile creare un gesto multimasking personalizzato per soddisfare contemporaneamente le esigenze delle diverse zone del viso.

Quelle più strong sono indicate per la zona T (fronte, naso e mento), dove si accumulano le imperfezioni dovute all’iperproduzione di sebo (brufoletti, punti neri, untuosità localizzata), mentre le formule più dolci sono adatte a tutto il viso: sollevano la patina opaca che impedisce alla pelle di respirare, riducono rughe sottili e linee d’espressione, idratano in profondità contrastando secchezza e screpolature. Sono consigliate una o due volte alla settimana, a seconda della tipologia di pelle, del periodo dell’anno e delle esigenze del momento.  

Oltre alle maschere che agiscono in modo meccanico, come uno scrub superficiale, sfruttando microparticelle solide che si sciolgono a contatto con la pelle portandosi via sudore, eccesso di sebo, impurità ambientali, ci sono quelle enzimatiche che, in modo simile ai peeling professionali, esercitano un’esfoliazione di tipo chimico, degradando i cheratinociti con una profonda azione purificante e levigante. Lavorano più in profondità rispetto alle maschere-scrub, pertanto non sono adatte a tutte le pelli.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti