Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Studio SILVIA, bocciati i controlli di pressione sanguigna

di
Pubblicato il: 13-05-2005
Sanihelp.it - I ricercatori dello studio SILVIA (Studio Italiano Longitudinale sulla Valutazione della Ipertensione Arteriosa) hanno valutato il profilo di rischio cardiovascolare secondo le linee-guida ESH/ESC, il trattamento farmacologico antipertensivo e i valori di pressione sanguigna sistolica e diastolica mediante monitoraggio semiautomatico in 2.775 pazienti ipertesi di età media pari a 60.6 anni, seguiti presso 131 Centri specialistici dell'Italia del Nord (34.5%), del Centro (28.1%) e del Sud (37.4%).
Tra questi pazienti, il 94.6% era sottoposto a trattamento anti-ipertensivo con uno (36.9%) o più farmaci (57.7%).

I risultati hanno dimostrato che che solo il 37.5% dei pazienti possedeva livelli ottimali della pressione sanguigna sistolica e diastolica (140/90 mmHg), mentre circa un terzo dei pazienti ha riportato valori di pressione sanguigna troppo alti (maggiori o uguali a 160/95 mmHg).

Nessuna differenza nel controllo della pressione sanguigna è stata riscontrata in relazione alle diverse aree geografiche, al sesso o all'attività occupazionale del paziente; il controllo della pressione sanguigna è risultato invece inversamente correlato con l'età del paziente e direttamente correlato con il livello educazionale.
I dati dello studio indicano che il controllo della pressione sanguigna in Italia rimane ampiamente inadeguato.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Journal of Hypertension

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti