Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Quando l'ossigeno rivitalizza la pelle: che cos'è l'ossigeno

di
Pubblicato il: 25-01-2018

Quando l'ossigeno rivitalizza la pelle: che cos'è l'ossigeno © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - L’ossigeno rappresenta un elemento necessario per il corretto svolgimento di tutte le funzioni vitali proprie dell’organismo dell’essere umano. Esso è il carburante privilegiato chiamato a garantire il corretto funzionamento di una grandissima quantità di organi alla base della sopravvivenza dell’uomo, a partire dal cervello e dal cuore, passando per i muscoli e per l’apparato digerente.

Non sorprende dunque immaginare come un elemento chimico tanto importante quanto l’ossigeno riscontri un grande uso in ambito medico per quei pazienti con difficoltà respiratorie la cui quantità di ossigeno nel sangue scende al di sotto di determinati valori minimi. L’ossigeno, infatti, alimenta i nostri organi, e per far sì che ciò accada l’essere umano lo immette nel nostro corpo attraverso il respiro, riportando la saturazione del sangue a valori abbastanza soddisfacenti da annullare qualsiasi rischio di malfunzionamento del nostro organismo conseguente ad insufficienza respiratoria.  

Se generalmente i trattamenti all’ossigeno sono riconducibili a questo genere di patologie respiratorie più gravi, è anche vero che negli ultimi anni si sta assistendo una nuova fase di riscoperta dell’ossigeno anche da un punto di vista estetico grazie alla cosiddetta ossigenoterapia, uno dei trattamenti più ricercati e richiesti di questo periodo.

Con l’avanzare dell’età il corpo umano riduce infatti la propria capacità di immagazzinare un adeguato apporto di ossigeno nell’organismo e di stimolare in questo modo lo sviluppo e la vitalità di nuove cellule. Per questo motivo, in mancanza di una corretta ossigenazione a livello intracellulare, le cellule presenti sulla pelle sono soggette a decadimento, portando a quel processo, prima o poi ineluttabile, di invecchiamento della pelle alla base della formazione di rughe ed altri inestetismi cutanei.

Quando l’ossigeno viene invece utilizzato direttamente sulla pelle, esso agisce come farebbe l’acqua ossigenata a contatto con i batteri, apportando un’azione di depurazione, rivitalizzazione e dunque rinnovamento immediato dell’epidermide, che grazie a nuovi stimoli per aumentare i propri livelli di collagene ed elastina garantisce sin dal primo trattamento un grande miglioramento della luminosità della pelle. Non a caso – Google alla mano – l’ossigenoterapia sembra essere negli ultimi tempi il trattamento favorito da alcune delle più grandi celebrità oltreoceano, da Julianne Moore ad Emily Ratjakowski fino ad arrivare a Madonna, che ha dato grande visibilità a questa tecnica dichiarando pubblicamente di aver acquistato un macchinario per l’ossigenoterapia del viso.

L’ossigenoterapia estetica è così popolare proprio perché è un trattamento che assicura esclusivamente benefici a rischio zero, dal momento che è poco invasivo e del tutto indolore, tale da poter essere effettuato a qualsiasi tipologia di pelle senza alcun effetto collaterale. Questa procedura, che viene praticata sulle zone della pelle più soggette ad invecchiamento e cellulite come viso, glutei e cosce, ha inizio con una delicata esfoliazione del viso mirata a rimuovere le cellule morte della pelle, detergendola in profondità. Successivamente viene applicata una soluzione specifica per tonificare la cute, che in questo modo è pronta per essere sottoposta a quella che è la modalità più richiesta di ossigenoterapia, quella di tipo iperbarico, che avviene attraverso l’utilizzo di un macchinario che combina ossigeno pressurizzato con un siero a base di acido ialuronico, antiossidanti e vitamine.

L’ossigeno ha un effetto immediato sulla texture cutanea e sul nutrimento della pelle e per questo motivo l’ossigenoterapia è particolarmente indicata non soltanto per trattamenti estetici volti a combattere l’invecchiamento della pelle ma anche per coloro che soffrono di psoriasi, dermatiti o eczemi, che grazie al nuovo apporto di ossigeno immesso attraverso le piccole lesioni che caratterizzano la pelle riuscirà a dare nuova linfa all’incarnato o alla pelle disidratata, il tutto con una procedura non invasiva la cui terapia completa può variare da appena 4 a 20 sedute.

Naturalmente, come nella maggior parte dei casi in cui si parla di trattamenti estetici che richiedono strumenti specializzati a norma di legge, l’ossigenoterapia non può essere svolta da chiunque ma deve essere eseguita presso centri estetici qualificati o cliniche specializzate in medicina estetica, come la spezzina Clinica M.E.D., poliambulatorio sempre all’avanguardia in termini di dermatologia, chirurgia estetica e odontoiatria che ha fatto dell’ossigenoterapia uno dei suoi trattamenti di punta in ambito dermatologico.

Oltre ad un sapiente utilizzo degli strumenti necessari per effettuare trattamenti all’ossigeno ad elevata concentrazione, questi centri possono infatti offrire anche numerosi altri trattamenti da combinare per un ringiovanimento medico del viso, come i peeling o le biorivitalizzazioni. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Clinica M.E.D.

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti