Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Donne che sanno: l'importanza dell'acqua

di
Pubblicato il: 13-03-2018

Il terzo incontro di Donne che sanno, sarà incentrato sull'importanza di bere acqua: ma quanta, di che tipo e in che modo?


Donne che sanno: l'importanza dell'acqua © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Il terzo incontro del ciclo Donne che sanno, sei eventi incentrati su salute, prevenzione e stili di vita promosso da fondo Mario e Paola Condorelli e L’altra Napoli, che si terrà il 19 marzo alle ore 16 presso la Società Napoletana Storia Patria a Napoli, con ingresso gratuito, sarà incentrato sull’importanza di bere acqua.

Nonostante le campagne di informazione, non sempre ci si ricorda che bisognerebbe introdurre almeno due litri e mezzo di liquidi ogni giorno, di cui almeno un litro e mezzo di acqua.

Questo introito è necessario all’organismo umano per assicurarsi lo svolgimento di tutte le reazioni cellulari e per garantire una corretta idratazione.

Se un litro e mezzo deve essere rappresentato dall’acqua, la restante quota dovrebbe essere raggiunta bevendo altre bevande e con il cibo, in particolare consumando frutta e verdura costituiti per il 90% di acqua.

Dai dati statistici disponibili, però, emerge che solo il 30% degli italiani bevono effettivamente un litro e mezzo di acqua ogni giorno mentre un 5% non ne beve affatto.

Le più attente al giusto consumo di acqua  sono le donne, forse perché sanno benissimo che se non bevono quantità adeguate di acqua aumenta il rischio di ritenzione idrica, anche a causa dell’assetto ormonale con conseguenze negative in termini di gonfiore e luminosità della pelle.

Da un sondaggio Censis, inoltre, è stato possibile appurare che due famiglie italiane su tre comprano acqua minerale, con una spesa pari a circa 234 euro; nello specifico in Italia negli ultimi 40 anni il consumo di acqua in bottiglia è aumentato di quasi 5 volte, poiché sono quasi 49 milioni i connazionali che bevono acqua minerale.

Questa preferenza è dovuta al fatto, almeno secondo i dati Istat del 2016, che 3 famiglie su 10 ritengono che l’acqua del rubinetto sia di cattiva qualità.

Secondo gli esperti del CREA (Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione), però, l’acqua del rubinetto e buona e molto controllata.

Sempre gli esperti CREA tengono a sottolineare come in commercio esistano tanti tipi di acqua minerale e come, a meno di particolari problemi di salute, vadano tutte bene e quindi possono essere scelte in base al gusto personale.

L’acqua, infatti, del rubinetto o imbottigliata ha un sapore diverso in base ai microelementi che contiene.

In ogni caso al di là del fatto che l’acqua bevuta sia del rubinetto o no, bisognerebbe ottimizzare il contenuto di alcuni microelementi in base alla fascia di età e nello specifico, l’acqua per bambini dovrebbe essere ricca di calcio, magnesio e fluoro, per le donne incinta e in menopausa l’acqua dovrebbe essere molto ricca in calcio e negli anziani oltre a stare attenti al contenuto di calcio che dovrebbe essere il più alto possibile, dovrebbe contenere anche buone quantità di solfati e magnesio. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione comunicato stampa

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti