Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tumori: prevenzione e terapie

Forse il cancro non è invincibile

di
Pubblicato il: 03-04-2018

Un team di scienziati portoghesi ha scoperto un potenziale punto debole del cancro


Forse il cancro non è invincibile © iStock

Sanihelp.itMonica Bettencourt Dias, dell'Instituto Gulbenkian de Ciencia (Portogallo) ha individuato, con il suo team, importanti caratteristiche delle cellule tumorali, piccole strutture o organelli che si trovano all'interno delle cellule, denominati centrioli, il cui numero e la cui dimensione aumentano nei sottotipi più aggressivi di cancro.

Certe forme di cancro sono più aggressive e resistenti alla chemioterapia rispetto ad altre. Il nuovo studio potrebbe contribuire alla ricerca di nuovi strumenti diagnostici, prognostici e terapeutici che consentano di trattare i pazienti in modo più personalizzato.

I centrioli, circa 100 volte più piccoli della sezione trasversale di un capello, sono stati definiti come il ​​cervello delle cellule, per il loro ruolo nella moltiplicazione, nel movimento e nella comunicazione cellulare. Il loro numero e la loro dimensione sono sotto stretto controllo nelle cellule normali, ma è stato ipotizzato che un aumento anormale del numero di queste strutture possa indurre il cancro.

Bettencourt Dias e il suo team hanno studiato l'incidenza delle anomalie dei centrioli nelle cellule tumorali umane. I risultati rivelano che le cellule tumorali hanno spesso centrioli extra e più lunghi, assenti nelle cellule normali, soprattutto nei tumori del seno aggressivi o nel cancro del colon.

Gli scienziati hanno inoltre scoperto che i centrioli più lunghi sono anche molto più attivi, il che interferisce nella divisione cellulare e potrebbe favorire la formazione del cancro.

«Il numero e la dimensione in eccesso dei centrioli all'interno delle cellule sono associati a caratteristiche maligne, cosa che si potrà sfruttare per classificare i tumori al fine di stabilire la prognosi e predire la risposta al trattamento» spiega Gaelle Marteil, un altro autore dello studio.

                   



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos Salute

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: