Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Acido retinoico: un prezioso alleato contro acne e rughe

di
Pubblicato il: 16-04-2018

Acido retinoico: un prezioso alleato contro acne e rughe © curamos

Sanihelp.it - L'acido retinoico è l'unica molecola in grado di ringiovanire veramente la pelle, una sorta di riprogrammatore che riporta le cellule a funzionare come in giovane età.
In virtù della sua capacità di rimuovere le cellule morte della pelle, di riparare la cute danneggiata e di stimolare la produzione del collagene, l'acido retinoico viene utilizzato per prevenire ed alleviare i segni dell'invecchiamento cutaneo, come rughe, macchie scure e danni solari. Ma che cos'è esattamente l'acido retinoico e a cosa serve? Abbiamo intervistato gli amici di Curamos.it, esperti in cure naturali, piante officinali e fitoterapia affinché ci dessero qualche indicazione più precisa a riguardo.

Che cos'è l'acido retinoico?

L'acido retinoico è un prodotto del metabolismo della vitamina A (retinolo); in parole semplici, non è altro che la sua versione acida. È una molecola biologica sensibile alla luce e altamente liposolubile che svolge un ruolo molto importante in quanto interviene nella crescita delle cellule epiteliali, nella funzione immunologica e visiva e nello sviluppo embrionale. Per la sua capacità di stimolare la crescita cellulare, l'acido retinoico è utilizzato in molti campi della medicina, persino per curare malattie come il cancro, ma è diffuso principalmente per la sua funzione estetica. Oltre a ringiovanire la pelle, è stata recentemente scoperta la sua capacità di rinforzare il cuoio capelluto, permettendo la ricrescita dei capelli.

A che cosa serve l'acido retinoico?

Grazie al suo potere esfoliante, l'acido retinoico svolge un ruolo essenziale nella riparazione e nel rinnovamento della pelle e per questo è uno degli ingredienti più utilizzati nei prodotti di bellezza che mirano a ridurre i segni dell'invecchiamento cutaneo, come rughe e macchie scure. Non solo. Per la sua capacità di regolare la produzione di sebo per mezzo della tretinoina, viene usato per risolvere i classici problemi dell'acne. Inoltre rende l'epidermide più spessa e favorisce la sintesi del collagene. È anche utilizzato per la cura della psoriasi, una patologia della pelle che assume un aspetto squamoso a causa di una crescita anomala delle cellule. Un'altra importante funzione dell'acido retinoico, sfruttata in ambito clinico, è quella di favorire la guarigione delle ferite grazie all'azione della tretinoina che stimola la riparazione dei tessuti e la produzione di nuove cellule.

Uso e controindicazioni dell'acido retinoico

L'acido retinoico può essere utilizzato sia come terapia domiciliare che, ad alte concentrazioni, per effettuare dei peeling chimici che mirano a levigare la pelle ed a eliminare i segni dell'acne e le cicatrici in generale.
Essendo un vero e proprio farmaco, può avere degli effetti collaterali, di cui il più noto è la dermatite da retinoidi, un'irritazione della pelle accompagnata da arrossamento, secchezza e desquamazione transitoria, che è pero anche sintomo di efficacia terapeutica.
Chi soffre di pelle sensibile, e chiunque sia all'inizio del trattamento, dovrebbe evitare creme con una concentrazione di acido retinoico troppo elevata. È opportuno cominciare con una percentuale di tretinoina pari allo 0,010% o 0,025% per poi passare gradualmente allo 0,05%, modulando il prodotto e applicandolo a giorni alterni, magari diluito con una crema lenitiva finché la pelle non comincerà ad abituarsi. È sconsigliato in gravidanza perché teratogeno.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
curamos

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.56 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: