Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Come coltivare la compassione

Perché è importante sviluppare la compassione

di
Pubblicato il: 17-04-2018

Coltivare la compassione, oltre ad essere il tramite per un'unione profonda con le altre persone, è uno dei segreti per essere felici. Leggi perché.


Perché è importante sviluppare la compassione © iStock

Sanihelp.it - Il Dalai Lama ha detto: «Se vuoi che gli altri siano felici, pratica la compassione. Se vuoi essere felice, pratica la compassione». La compassione, infatti, ti rende più felice e allo stesso tempo diffonde felicità nelle persone che ti sono accanto.

La compassione è un sentimento di partecipazione profonda nei confronti dell’altro. Si presenta, infatti, quando si vede qualcuno soffrire. Comporta quindi una certa attenzione alla sofferenza degli altri, ma anche la volontà di impegnarsi per fare qualcosa che allevi il disagio di quella persona.

È bene non confondere la compassione con la pietà, due sentimenti, che pur scaturendo dalla considerazione delle sofferenze altrui, hanno davvero ben poco in comune. Il primo, infatti, porta ad avvicinarsi senza paura all’altro che è in una situazione di disagio e sofferenza, quindi porta a soffrire insieme a lui; mentre la pietà crea distanza dall’altro e dai suoi disagi.

Coltivare la compassione aiuta ad avere anche una salute mentale e fisica migliore. Come dimostrano diversi studi scientifici, infatti, le persone che praticano la compassione producono il 100% in più di DHEA, l’ormone che contrasta il processo di invecchiamento, ed il 23% in meno di cortisolo, l’ormone dello stress. Inoltre, secondo una ricerca condotta presso l’Università della California, le persone che vivono in senso pienamente egoistico e carrieristico hanno livelli di infiammazione più elevati. L’infiammazione, come saprai, è un precursore di molte malattie, compreso il cancro e le malattie neurodegenerative.

La compassione è senz’altro un’abilità che può essere sviluppata, iniziando a praticare prima di tutto la gentilezza e l’empatia. Il passo successivo richiede uno sforzo in più: individuare cosa ti accomuna al prossimo (e non le differenze che esistono tra te e gli altri) e la volontà di aiutarlo per liberarsi delle sue sofferenze.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
PsychologyToday.com

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti