Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Essere attivi per non sviluppare insufficienza cardiaca

di
Pubblicato il: 18-05-2018

Essere attivi per non sviluppare insufficienza cardiaca © Thinkstockphotos

Sanihelp.it - Lo sport protegge dall’insufficienza cardiaca, l’importante è praticare con continuità anche se si inizia dopo i 40 anni.

Si può sintetizzare così il senso di uno studio condotto presso la John Hopkins e pubblicato sulla rivista Circulation.

Gli autori dello studio hanno analizzato i dati relativi a 11351 americani, età media 60 anni, seguiti per 19 anni.

Dall’analisi dei dati è emerso che è stato possibile ridurre del 23% il rischio di insufficienza cardiaca per i partecipanti  che si sono impegnati per conseguire  le raccomandazioni di salute, ovvero svolgere 150 minuti di attività fisica di moderata intensità o 75 minuti di intensità vigorosa a settimana.

Tale obiettivo, però, è stato raggiunto solo per i partecipanti che almeno per i primi 6 anni di studio si sono impegnati senza cedimenti in quest’attività.

I partecipanti che non sono stati costanti nella pratica sportiva durante i primi 6 anni dello studio hanno evidenziato, infatti, un aumento del rischio di insufficienza cardiaca del 18%.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Circulation

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: