Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Una scoperta tutta italiana

Il segreto della longevità risiede in una variante genetica

di
Pubblicato il: 21-05-2018

Il segreto della longevità risiede in una variante genetica © iStock

Sanihelp.it - Un team di ricercatoro italiani, coordinati da Cristiano Simone dell’Ospedale Saverio De Bellis di Castellana Grotte (Bari), ha recentemente effettuato una scoperta che potrebbe risultare di fondamentale importanza: si tratta di una variante genetica legata alla longevità, alla resistenza all'invecchiamento e a un minor rischio di ammalarsi di diabete, malattie cardiovascolari e tumori.

La ricerca - pubblicata sulla rivista scientifica Nucleic Acid Research e che vede tra i coautori Valentina Grossi, Giovanna Forte, Paola Sanese, Alessia Peserico, Tugsan Tezil, Martina Lepore Signorile e Candida Fasano - è stata condotta per ben 5 anni e ha preso in esame diversi studi effettuati in tutto il mondo, su un totale di 15 mila persone di diversa età, etnia e stili di vita, nelle quali era presente questa modifica genetica.

L'analisi dei dati raccolti ha consentito di comprendere il funzionamento della variazione di un singolo frammento del DNA, che si trova sul gene FOXO3 e che si chiama SNP del gene. Ebbene si è scoperto che che le persone nate con questa caratteristica genetica hanno una potente arma in più per resistere allo stress cellulare e pertanto migliori possibilità di invecchiare meglio e di resistere a condizioni sfavorevoli, come quelle legate al clima o all'alimentazione, nonché alle varie patologie legate all'invecchiamento.

Oltre a ciò parrebbe che i soggetti con questa caratteristica genetica siano più resistenti anche agli effetti avversi delle terapie mediche e oncologiche, così come potrebbero avere minor probabilità di essere colpiti da malformazioni fetali in gravidanza, o diabete nella vita adulta.

Infine la scoperta si lega anche allo sviluppo di nuovi farmaci, in quanto consente di prevedere, tramite screening, l'effetto che può avere un medicinale prima della somministrazione. Oltre a ciò, questa caratteristica genetica potrà essere sfruttata come importante marker predittivo per valutazioni prognostiche e terapeutiche: un nuovo utile strumento per la medicina personalizzata e di precisione.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Nucleic Acid Research

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.33 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti