Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Durante e dopo la spiaggia

Capelli al mare: protezione antiUv e look da spiaggia

di
Pubblicato il: 12-06-2018

I solari per i capelli donano protezione e morbidezza. Oli, gel e spray lucidano, disciplinano e tengono in ordine la chioma. E dopo la spiaggia...


Capelli al mare: protezione antiUv e look da spiaggia © iStock

Sanihelp.it - Nella stagione estiva, ai soliti nemici dei capelli come smog, vento, trattamenti chimici, piastre e phon, pettine e spazzola si aggiunge l’esposizione continua a sole, salsedine e cloro, che possono attaccare la fibra capillare su 4 fronti.

Alterazione delle proteine. Degradazione e perdita localizzata di cheratina e aumento della distanza tra le cuticole portano a un aumento della porosità e perdita di levigatezza e luminosità. I capelli diventano ruvidi, sfibrati e opachi, tendono ad annodarsi e a formare doppie punte.

Degradazione dei pigmenti. La melanina protegge il capello dai radicali liberi generati dal sole, ma un eccesso di esposizione solare causa foto-degradazione, con conseguente schiaritura e sbiadimento del colore, sia naturale che cosmetico.

Riduzione del contenuto di acqua. I capelli esposti ai raggi solari dimostrano ridotta capacità di assorbire acqua dall’ambiente e minor contenuto, con tendenza a diventare secchi e fragili.

Ossidazione dei lipidi. Lo stress ossidativo a carico dei lipidi causa perdita di flessibilità e indebolimento dello stelo. I capelli appaiono fragili, duri e inariditi, difficili da mettere in piega.

Sotto l’effetto di sole, vento, sabbia e sale, i capelli vengono aggrediti sin dalle primissime esposizioni. Se proteggere la pelle è un gesto quasi automatico, la capigliatura viene invece spesso trascurata, con conseguente deterioramento della fibra. I capelli più vulnerabili? Quelli bianchi, privi di melanina, più fragili sotto i raggi UV e che tendono ad ingiallire. I capelli colorati, già sensibilizzati dalla colorazione che solleva le scaglie, diventano porosi, il colore sbiadisce, a volte sino a stingere. I capelli di tipo africano ed europeo, più poveri sotto il profilo lipidico. Ma tutti i capelli vanno protetti, dall’inizio della vacanza al rientro in città.

Secondo una survey di Kerastase condotta su 2400 donne, però, le donne sotto il sole non si accontentano di protezione della fibra e del colore dai raggi Uv, ma desiderano sfoggiare un look fashion e seducente, a prova di sudore e afa. I solari per capelli sono associati all’idea di bellezza, anche in spiaggia: le donne cercano prodotti come oli, gel e spray (quest’ultimo è la texture star per la praticità e la leggerezza, rivela la ricerca) che, oltre a proteggere e idratare, sistemano l’acconciatura, la lucidano, la disciplinano, per essere sempre impeccabili in caso di selfie a tradimento in riva al mare o a bordo piscina.

E a fine giornata, la chioma va rimessa in sesto con un programma ad hoc: shampoo studiato per il dopo spiaggia, balsamo restitutivo e maschera. Le più nuove sono velocissime (agiscono in un solo minuto) e monodose, per stare comodamente in valigia.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
redazione

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: