Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cure specifiche

Rolfing, la tecnica che rieduca la spina dorsale

di
Pubblicato il: 19-06-2018

Manipolazioni ed esercizi mirati vi aiuteranno a ridurre i dolori e anche a ricominciare con lo sport in tutta sicurezza


Rolfing, la tecnica che rieduca la spina dorsale © iStock

Sanihelp.it - La spina dorsale è una delle parti più importanti del corpo: ci aiuta a sostenerci, a camminare, e anche a far funzionare correttamente il sistema nervoso.

Proprio per questo sarà sempre necessario mantenerla elastica e in salute, risultato che si potrà ottenere con il Rolfing.

Il Rolfing è anche conosciuto come una forma di integrazione strutturale, ed è una tecnica dolce che vede l’unione di manipolazioni dei tessuti e di una serie di movimenti che vengono compiuti dalla persona trattata, per andare a riequilibrare il corpo e tutte le sue differenti funzioni.

I benefici del Rolfing

A livello generale, il Rolfing consentirà al soggetto che vi si sottoporrà di notare tutta una serie di benefici.

Innanzitutto, con questa tecnica sarà possibile migliorare la propria postura, eliminando quelli che sono i classici difetti di posizionamento della spina dorsale, sia durante il movimento sia in posizione statica.

Inoltre, grazie all’utilizzo del Rolfing sarà possibile ridurre il dolore di tipo cronico, andando a migliorare i sintomi di molte patologie.

Infine, esso consentirà anche di ridurre lo stress e di migliorare la vita di tutti i giorni, dal sonno sino alla possibilità di svolgere nuovamente attività fisica.

Questo accade perché questa tecnica consente di lavorare non solo sulla parte muscolare, ma anche su quella nervosa e sugli organi interni, andando a provocare effetti positivi anche a livello del sistema nervoso.

Che cosa aspettarsi da una seduta di Rolfing

Nel momento in cui sceglierete di sottoporvi ad un trattamento di Rolfing potrete anche notare quali sono i passaggi che il vostro terapeuta vi porterà a seguire.

Durante le prime tre sessioni il terapeuta cercherà di rimuovere quelli che sono i blocchi più radicati a livello della spina dorsale, e vi proporrà anche dei movimenti che potrete compiere da soli, così da mobilizzare al meglio le vostre giunture.

Nelle sessioni dalla quattro alla sette ci si concentrerà soprattutto sulla parte centrale del corpo, e anche sulle giunture delle gambe, dalle caviglie alle ginocchia.

I trattamenti successivi serviranno per rendere stabili  i risultati ottenuti, e vi daranno la possibilità di apprezzare sempre di più i benefici provenienti da questa tecnica.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Rolf Institute of Structural Integration

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti