Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

Il comportamento materno un deterrente per l'obesità

di
Pubblicato il: 10-07-2018

Il comportamento materno un deterrente per l'obesità © iStock

Sanihelp.it - Secondo uno studio pubblicato sulla rivista BMJ e condotto presso l’ Harvard School of Public Health di Boston, le mamme con buone abitudini alimentari e attive fisicamente hanno meno probabilità di avere figli obesi.

Secondo lo studio i bambini che hanno mamme che non fumano, non consumano troppo alcol, che svolgono regolarmente attività fisica, hanno un indice di massa corporea nella norma (IMC) e seguono un’alimentazione sana ed equilibrata hanno il 75% di probabilità in meno di sviluppare obesità.

Gli autori dello studio sono arrivati a queste conclusioni dopo aver analizzato i dati relativi a 24289 bambini di età compresa tra 9 e 14 anni.

Durante lo studio il 5,3% dei bambini considerati ha sviluppato obesità.

L'obesità materna, il fumo e l'inattività fisica si sono rivelati predittori dell'obesità nei bambini e negli adolescenti.

La più forte riduzione nel rischio obesità è stata osservata nei bambini che potevano contare su mamme dedite a uno stile di vita sano, ma anche le singole abitudini salutari hanno avuto un impatto significativo sul rischio di obesità infantile, quando valutate singolarmente.

Nello specifico i figli di donne con un peso nella norma (con un IMC compreso fra 18,5 e 24,9) hanno evidenziato una riduzione del rischio obesità del 56%, mentre la pratica sportiva delle mamme ha ridotto la percentuale di obesità del 21%.

I figli delle donne non fumatrici hanno visto ridurre il loro rischio obesità del 31%, mentre la mancata assunzione di alcol ha ridotto la percentuale di rischio del 12%. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
BMJ

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti