Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Azione europea per fermare la «fuga di cervelli»

di
Pubblicato il: 26-05-2005
Sanihelp.it - Nei prossimi 10 anni, a causa delle migrazioni qualificate verso Stati Uniti e Canada, l'Europa potrebbe trovarsi a corto di conoscenze.
È questo lo scenario previsto dal Progetto europeo Brain Drain - Emigration Flows of Qualified Scientists, conclusosi nel 2004 e svolto dall’Istituto di ricerca sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Cnr, dal Merit dell’Università di Maastricht e dall’Università di Budapest Iku, che evidenzia anche le misure adottate dai singoli Paesi per tenersi stretti i propri scienziati e per incentivare l’arrivo di quelli stranieri.

I dati del Progetto vengono presentati oggi, presso l’aula Marconi del Cnr, nel corso di una Tavola rotonda organizzata dall’Istituto di ricerca sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Consiglio nazionale delle ricerche.

L’iniziativa è stata promossa dalla Commissione Europea per conoscere, cifre alla mano, la portata del problema della fuga dei cervelli e delle migrazioni qualificate soprattutto verso Stati Uniti e Canada.

Durante l’incontro saranno presentati i risultati del Progetto pubblicati su un numero speciale della rivista Studi Emigrazione dal titolo Le migrazioni qualificate tra mobilità e brain drain, curato da S. Avveduto, M. Carolina Brandi ed E. Todisco.

Nella tavola rotonda saranno discussi i contenuti del volume concernenti i dati relativi alla mobilità tra Europa, Canada e USA e i casi di alcuni importanti Paesi che accolgono i migranti o che sono origine delle migrazioni, come l’Australia, la Francia, la Germania, il Portogallo e l’Italia.
Il libro ricostruisce la storia delle emigrazioni qualificate, dalle origini fino all’evoluzione impetuosa durante il XX secolo, e presenta inoltre una distinzione tra migrazioni, fuga dei cervelli e mobilità internazionale.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Cnr

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti