Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tutta la verità sulla liposuzione

di
Pubblicato il: 09-06-2005

Tutti ne parlano, molti la sognano, ma dietro all'idea della liposuzione si nascondono numerosi dubbi. Come funziona, che tecniche usa e quanto conviene?Ecco le risposte.

Sanihelp.it - La liposuzione è un intervento chirurgico che consente di rimuovere gli eccessi di tessuto adiposo localizzati in alcune aree del corpo quali addome, anche, natiche, cosce, ginocchia, mento, guance e collo.

Anche se nessun tipo di liposuzione sostituisce i benefici di una dieta appropriata e dell’esercizio fisico, l’intervento può risultare utile per rimuovere il grasso dalle zone del corpo più testarde, che non rispondono ai metodi tradizionali di perdita di peso; la condizione ideale è quella di un peso relativamente normale ma con tasche di grasso localizzate.

Ma come funziona esattamente la liposuzione?
L’operazione può essere eseguita in anestesia generale oppure in anestesia spinale o epidurale, e consiste nella rimozione del tessuto adiposo in eccesso mediante l’azione di una cannula collegata a un apparecchio aspirante (pompa in aspirazione o grossa siringa).

La cannula viene introdotta nel grasso situato sotto la pelle attraverso piccole incisioni di 2-3 mm; una volta raggiunta la zona interessata, il grasso in eccesso viene frantumato e aspirato insieme a una quantità variabile di fluidi.
Alla fine dell'intervento, chiuse le piccole incisioni con punti di sutura o cerotti cutanei, bisogna indossare per almeno un mese una guaina elastica per chiudere i vasi sanguigni che inevitabilmente si rompono durante l’intervento e per limitare l’edema postoperatorio.

Non tutte le situazioni, però, richiedono la liposuzione tradizionale. Oggi esistono anche altre tecniche meno invasive pensate per i casi più leggeri, come la tecnica tumescente, che sfrutta l’effetto di turgore ottenuto dall’infiltrazione nelle aree di una cospicua quantità di fluido (soluzione salina, anestetico locale e adrenalina), per ottenere un’aspirazione del grasso facilitata, una riduzione della perdita di sangue, una migliore anestesia durante l’intervento e successivamente ad esso, e un riduzione delle ecchimosi post-operatorie.

Un’altra alternativa è la tecnica a cannula reciprocante: in questo caso il movimento di liposuzione non è manuale ma generato da una fonte elettrica o di aria compressa, che consente una rapida esecuzione con diminuzione di edema ed ecchimosi postoperatorie.

La liposuzione a ultrasuoni, infine, richiede l’uso di cannule particolari che producono energia a ultrasuoni. Attraversando l’area da trattare, l’energia prodotta fa "esplodere" la parete delle cellule grassose, sciogliendo il grasso per facilitarne l’aspirazione.

Nessuna di queste nuove tecniche si è dimostrata superiore alle altre: ognuna comporta sia vantaggi che potenziali problemi (ad esempio il rischio di ustioni alla cute per la tecnica a ultrasuoni), e quindi dipende molto dalla preferenza e dall’esperienza del chirurgo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
ISPLAD

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti