Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Un metastudio mette in guardia sui pericoli dell'alcol

Alcolici: non esiste una dose sicura

di
Pubblicato il: 04-09-2018

Alcolici: non esiste una dose sicura © iStock

Sanihelp.it - Un metastudio - recentemente pubblicato su Lancet e condotto da due ricercatori dell’Institute for Health Metrics and Evaluation della statunitense University of Washington - torna a rimarcare il fatto che né esistono dosi sicure di alcol, né è possibile parlare di effetti protettivi derivanti dalla sua assunzione. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori americani hanno analizzato un’enorme mole di lavori scientifici sul tema (pubblicati tra il 1990 e il 2016) e hanno evidenziato, inoltre, il fatto che il consumo di alcolici è responsabile di quasi 3 milioni di morti nel mondo ogni anni, collocando l’alcol al settimo posto tra i fattori di rischio per morte prematura.

Nel loro studio, gli autori hanno preso in esame i dati di 694 lavori scientifici per stimare quantitativamente il consumo di alcol nel mondo; nonché di 592 lavori, che hanno coinvolto complessivamente circa 28milioni di persone, per valutare i rischi per la salute connessi al consumo di alcool in 195 nazioni. Queste le osservazioni principali: a livello globale, una persona su tre beve almeno una dose di alcol (10 grammi) al giorno; inoltre il 2.2% delle morti tra le donne e il 6.8% delle morti tra gli uomini, ogni anno, sono dovute a problemi di salute legati all’alcol, per un totale di 2,8milioni di morti l’anno.

I dati offrono un panorama preoccupante, ed evidenziano la necessità di tenere ancora più alta la guardia, sottolineando come eventuali ‘effetti protettivi’ dell’alcool (rispetto, per esempio, alla riduzione del rischio di patologie vascolari) siano completamente controbilanciati e oscurati dalla correlazione dell’uso della sostanza, anche in piccole quantità, con l’insorgenza di quasi 200 malattie, tra cui 13 tipi di cancro. Inoltre, sebbene il rischio sia relativamente piccolo con una porzione di alcool al giorno, tale rischio aumenta molto rapidamente al crescere delle quantità assunte; motivo per cui bisognerebbe potenziare ulteriormente le politiche educative volte a ridurre il consumo di alcool sempre e comunque.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Lancet

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: