Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tumori: prevenzione e terapie

Il fiuto del cane può rilevare la presenza di un tumore

di
Pubblicato il: 16-10-2018

I cani, appositamente addestrati, potrebbero aiutare a rilevare la presenza di un tumore ai polmoni, grazie al loro fiuto.


Il fiuto del cane può rilevare la presenza di un tumore © iStock

Sanihelp.itQuante cose i cani fanno per noi? A parte farci compagnia, amarci e difenderci, pensiamo anche alla pet therapy o, grazie al loro olfatto, ricercare persone scomparse o intervenire per salvare chi è rimasto sepolto sotto la neve o le macerie in caso di valanga o terremoti.
Proprio il loro olfatto potrebbe essere alla base di un loro impiego tanto nuovo, quanto importante: rilevare la presenza di un cancro al polmone, semplicemente sentendone l’odore.
A rivelarlo è uno studio spagnolo presentato di recente a Toronto alla XIX World Conference on Lung Cancer, che spiega come sia possibile utilizzare un cane addestrato per identificare la presenza di noduli al polmone maligni con una specificità del 99% e una sensibilità del 97%.
Angela Guirao, del servizio di chirurgia toracica della Hospital Clinic di Barcellona, ha spiegato che la malattia modifica il pattern dei composti organici volatili e ciò può essere utilizzato per diagnosticare malattie, tra cui i tumori. Diagnosticare il cancro attraverso il respiro espirato non è proprio un'idea nuova, solo che analizzare i pattern dei composti organici volatili richiede una tecnologia costosa e sofisticata, e l'olfatto canino ha una concentrazione di biosensori più elevata rispetto alla migliore tecnologia disponibile al momento.
In uno studio precedente, Guirao e colleghi hanno dimostrato che un cane appositamente addestrato, un incrocio tra un labrador e un pitbull, di nome Blat, è stato in grado di rilevare un cancro ai polmoni in qualsiasi stadio, riconoscendo la presenza o meno del cancro al polmone sulla base dei composti da lui fiutati nel gas esalato, che ha un odore particolare indipendentemente dallo stadio del tumore. 

Blat è stato addestrato con un metodo di apprendimento basato su ricompense, il che gli ha permesso di associare l'odore con la ricompensa, memorizzarlo, imparare a riconoscerlo e poi sedersi dopo averlo riconosciuto. Guirao spera che i cani potranno essere utili nello sviluppo di programmi di screening per il cancro al polmone, in quanto troppo spesso questo tipo di tumore viene identificato quando è in fase troppo avanzata. 
 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Pharmastar

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:



Video del Giorno: