Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Lezione 3: gli occhi

di
Pubblicato il: 15-10-2005

Gli occhi sono la parte del viso che ha maggior risalto: per questo il make up deve essere impeccabile e curato nei minimi dettagli.

Sanihelp.it - Anche gli occhi necessitano della base. Questo vale anche per coloro che non amano fondotinta e cipria e sono solite truccare direttamente gli occhi: un velo di fondotinta e cipria sulle palpebre è necessario per far aderire meglio i prodotti successivi.  
 
Per dare espressività e profondità allo sguardo, il contorno inferiore e/o superiore dell’occhio va sottolineato con una riga, che si può disegnare con una matita o con l’eye liner.
Quest’ultimo richiede un po’ più di dimestichezza nell’applicazione, inoltre ha il limite di non poter essere sfumato né corretto.  
Al contrario, con la matita è possibile effettuare diverse sfumature che rendono l’occhio più sensuale e intenso.  

Dopo aver tracciato la bordatura superiore dell’occhio con la matita, si passa alla sfumatura: con l’aiuto di un pennello n° 5, eseguite dei piccoli cerchietti sopra la riga appena tracciata.

Un consiglio per chi non vuole rinunciare all’eye liner: se non si riesce a fare una linea continua e regolare si possono fare dei piccoli puntini a una breve distanza l’uno dall’altro, e poi unirli.

In alternativa: per ottenere una riga perfetta, che non sbavi come quella tracciata con la matita ma che sia modificabile e correggibile, si può bagnare d’acqua la punta di un pennellino molto sottile e intingerlo nell’ombretto nero: così si otterrà una perfetta linea da eye liner, ma con la possibilità di sfumature e correzioni.  

Tenete presente che: una linea sottile sul margine della palpebra superiore non si vede quasi, tuttavia fa apparire più folte le ciglia, mentre per ingrandire l’occhio e conferirgli espressività si può usare il kajal bianco all’interno della palpebra.

A questo punto si passa all’ombretto, che si applica usando un pennello n° 5 (lingua di gatto e martora). Il colore va picchiettato su tutta la palpebra mobile (facendo attenzione a non oltrepassarla).  
Poi, usando un pennello più morbido con setole sintetiche (predisposto quindi alla sfumatura), si sfuma l’ombretto eseguendo un movimento orizzontale a cerchietti. Con l’aiuto del pennello n° 5 riapplicate il colore nelle parti in cui si è schiarito troppo.

In seguito, con l’aiuto di un pennello grande a lingua di gatto (n° 12), si stenderà un ombretto perlato per creare un punto luce sotto il sopracciglio.  
Il movimento da eseguire in questo caso è detto a ventaglio: con il pennello inclinato, si colora la palpebra eseguendo una semicurva e muovendo il pennello da sinistra verso destra e viceversa.  

Passiamo ora alla parte inferiore dell’occhio: innanzitutto pulite la zona da eventuali residui di trucco, poi tracciate la riga all’attaccatura delle ciglia. Non importa se la riga non risulta perfetta, perché va sfumata, sempre a ventaglio, usando un pennello n° 5.

Per rendere la sfumatura più luminosa schiarite la parte sottostante con un po’ di cipria, usando un pennello morbido.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti